Tempo di lettura: 3 minuti

Moscardelli seduto in mezzo al campoLECCE (di Italo Aromolo) – Il pugile è andato kappaò. Potremmo dire che ha lottato, che era più forte, anche che ha stretto all’angolo l’avversario per tutta la durata del match ma, se temporeggi anziché colpire e non sai finalizzare al momento di vincere, sei destinato a perdere contro il più groggy dei lottatori. È questa la fotografia che le statistiche stagionali scattano allo sciagurato Lecce edizione 2014/’15: un gigante dai piedi d’argilla che, in quasi tutte le partite del campionato, si è riversato nella metà campo avversaria, cercando insistentemente il gol, ma riuscendo raramente a sfondare l’altrui leggerezza, quando non è caduto sotto il peso della propria stazza. Che sia stato lucido o opaco, arido o geniale, inebriante o sprovveduto, è un dato di fatto che il Lecce abbia sempre provato a fare la partita nelle 38 gare stagionali, giocando a viso aperto e non rintanandosi mai per partito preso a protezione della propria area. Lo dicono ad esempio le 49 palle in area che i giallorossi hanno giocato in Cosenza-Lecce, i 20 tiri effettuati in Lecce-Savoia o i 26 cross messi in mezzo durante Lecce-Martina.

11205523_752420871521871_3559435588425210483_nSe fosse un film con finale a sorpresa, ci sarebbe ben poco da stupirsi, perché quando hai qualità a centrocampo e una difesa tutto sommato in grado di trasmettere sicurezza, avere il pallino del gioco ed esercitare il predominio territoriale sono solo l’altra faccia della stessa medaglia. Lo spettacolo invece è stato un altro, una sorta di melodramma in cui l’arte dell’offensiva si è concretizzata in un monologo fine a se stesso: questo è stato il punto debole del Lecce. I guai sono arrivati quando la formazione giallorossa si è ritrovata a fare la partita con un solo attaccante di ruolo, con tanti esterni non sempre capaci di saltare l’uomo e di finalizzare la gran mole di gioco prodotta. È quel momento in cui devi inventare qualcosa, perché hai una pletora di uomini davanti ed il risultato non si schioda: o riesci a sfruttare il pertugio giusto, indovini la giornata e realizzi 20 tiri e 3 gol (vedi Lecce-Aversa), oppure, come accaduto il più delle volte, manchi di idee e gioco, torni indietro, temporeggi, vai di nuovo avanti ed alla fine resta tutto un “vorrei, ma non posso”. Così che si spiegano i 30 palloni crossate in area di Foggia-Lecce (zero gol), i 45 di Lecce-Martina (ancora zero gol) o semplicemente i 40 di Vigor Lamezia-Lecce, ultima manifestazione di impotenza.

524224_10204544884114611_477712376704987365_nÈ mancato, quindi, un reparto offensivo capace di trasformare in oro quel che è luccicato in fase di impostazione: pretendere di andare ai play-off realizzando 50 gol in 38 partite è come chiedere andare in guerra con una pistola che fa cilecca ogni due o tre spari. È mancata la capacità di forzare le difese delle squadre più arroccate, se è vero che gli allenatori cambiati sono stati più dei punti conquistati in trasferta contro le ultime tre squadre del campionato…

Un’inconsistenza offensiva che si è specchiata nella vena realizzativa degli avversari, il più delle volte abili – o fortunati – nell’ottenere il massimo del risultato col minimo sforzo: con pochi affondi, spesso su ripartenze, le rivali giallorosse hanno messo alle strette una difesa che comunque si è qualificata come terza migliore del torneo con 32 gol al passivo. Ruolino meritato, perché se, ad esempio, si passa in analisi la sequenza di gare Salernitana-Cosenza-Aversa del girone di ritorno, ne risulta che i tiri verso la porta di Caglioni siano stati appena 3, precisamente uno a partita. Difficile chiedere di più al reparto arretrato, eppure bisognerebbe capire come mai siano stati conquistati solo tre punti: disattenzioni difensive, calci piazzati ed un portiere non al massimo della forma hanno contribuito, insieme alle deficienze in attacco, a dare un senso d’incompletezza all’opera del Lecce, in quelle tre partite come nel resto del campionato.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.