Tempo di lettura: 5 minuti

11119343_10204901738635751_1132119340_n

LECCE (di Massimiliano Cassone) – Al Via del Mare arriva il Foggia di De Zerbi che viaggia sulle ali dell’entusiasmo di una stagione vissuta sopra ogni aspettativa ed arriva per fare risultato contro il Lecce di Bollini che non ha mai pace e gioca sempre sul filo del rasoio. Oggi in particolare è, per entrambe le squadre, la partita della vita o della morte, la partita della luce o del buio, un pareggio non servirebbe a nulla. Sotto questi auspici le due compagini si affrontano di fronte a 4488 spettatori di cui circa 200 foggiani, e danno vita ad un incontro piacevole. Nel primo tempo il Lecce potrebbe passare in vantaggio in diverse occasioni ma Doumbia sbaglia clamorosamente a tu per tu col portiere in due occasioni. Il Foggia non tira mai in porta nei primi 45 minuti contro sette tiri dei giallorossi. Nel secondo tempo continua la sagra degli errori ma il Lecce trova, nei minuti di recupero, il gol della vittoria ad opera di Doumbia che dopo aver sbagliato l’inimmaginabile, raccoglie l’invito di Embalo in contropiede e batte Narciso, continuando a tenere il Lecce in corsa per i Play Off.

PRIMO TEMPO – Alberto Bollini che deve fare a meno di Caglioni infortunato e di Moscardelli e Vinetot squalificati e manda in campo col 4-5-1 Scuffia; Beduschi, Diniz, Abruzzese, Lopez; Lepore, Salvi, Papini, Bogliacino, Mannini; Doumbia.

Roberto De Zerbi che deve fare i conti con le squalifiche di Gigliotti e Sarno ma recupera Narciso, risponde con un 4-3-3 preferendo Barraco a Iemmello: Narciso; Bencivenga, Loiacono, Potenza, Agostinone; Minotti, Agnelli, Quinto; Cavallaro, Saniz-Maza, Barraco.

Le due squadre, coscienti di non poter sbagliare, nella prima fase della gara si studiano cercando di capire dove colpire l’avversario. Gli ospiti sono molto più mobili dei giallorossi e prendono le redini del gioco in mano, nei primi dieci minuti, con i giallorossi che tentano le ripartenze. Al 12° arriva il primo giallo dell’incontro e lo guadagna Papini per un fallo a centrocampo. Il primo tiro della partita arriva al 17° dopo un’ottima trama di gioco, è Mannini a provare di collo ma la sfera termina di poco alta sulla traversa. I padroni di casa crescono col passare dei minuti. Al 20° Doumbia va vicinissimo al gol, dopo aver saltato Loiacono si trova a tu per tu con Narciso che sventa il pericolo, ma il tiro è centrale. Un minuto dopo Lecce ancora pericoloso con l’estremo difensore foggiano che blocca un cross al veleno di Bogliacino dall’esterno sinistro. Al 24° Salvi è costretto a lasciare il campo per infortunio, al suo posto entra Sacilotto. Tre minuti dopo scambio Papini-Lepore con quest’ultimo al tiro da posizione defilata con la palla che termina alta sulla traversa. Il Foggia dopo un avvio brillante ripiega su se stesso e si difende ma il Lecce seppur volenteroso sbaglia in fase di finalizzazione.

Al 33° ennesimo squillo giallorosso; Lepore prova il tiro dai 18 metri e Narciso non blocca ma non c’è nessun leccese ad intervenire. Due minuti dopo arriva la più ghiotta delle occasioni sui piedi di Doumbia servito col goniometro da Bogliacino ma sbaglia clamorosamente, calciando addosso a Narciso. Al 40° Sacilotto ruba palla a centrocampo e serve Doumbia che entra in area si gira su se stesso e serve l’accorrente Lepore a sinistra che di testa colpisce in modo blando, Narciso para senza preoccupazione. Al 44° Mannini vola sulla destra e serve in area Lepore che di prima prova la bomba ma la sfera termina di poco fuori. La prima frazione termina a reti inviolate con il Lecce che sbaglia troppo sotto porta ma non subisce nemmeno un tiro contro.

11158910_10204901738035736_2017741460_oSECONDO TEMPO – De Zerbi si ripresenta con Iemmello al posto di Barraco. In due minuti botta e risposta. Al 49° è l’ex Bencivenga a provare la conclusione ma Scuffia è attento. Al 51° Doumbia entra in area e serve Mannini che conclude a porta vuota ma Bencivenga salva sulla linea. Al 54° occasionissima Lecce; Lepore servito da Mannini, si ritrova vis a vis con Narciso che fa il fenomeno rubandogli la palla dai piedi. Al 58° il Foggia su punizione battuta da Sainz-Maza colpisce il palo.

Al 62° Bollini manda in campo Embalo al posto di Bogliacino, il migliore in campo. Mossa incomprensibile quella del tecnico di Poggio Rusco.

De Zerbi al 65° manda in campo Leonetti al posto di Minotti.

Al 76° Checco Lepore ruba palla, slalom tra gli avversari entra in area e calcia sull’esterno della rete. Al 79° annullato un gol ad Abruzzese che segna di testa su una punizione calciata da Lepore, ma il difensore per l’arbitro è un fuorigioco. Un minuto dopo Beduschi macina il terreno a destra, entra in area e serve Embalo che spinge la palla in porta ma sulla linea Narciso compie il miracolo dei miracoli. Subito dopo Herrera rileva Mannini.

Al minuto 83 Cavallaro ha sui piedi la palla del vantaggio su cross di Leonetti ma sbaglia.

Il gol del Lecce arriva quando ormai nessuno ci credeva più; al 92° Embalo in contropiede serve col contagiri Doumbia che questa volta non sbaglia e gonfia la rete battendo Narciso.

I Salentini rimangono in corsa per i Play Off.

TABELLINO

LECCE-FOGGIA 1-0

LECCE (4-5-1): Scuffia; Beduschi, Diniz, Abruzzese, Lopez; Lepore, Salvi (24°Sacilotto), Papini, Bogliacino (62° Embalo), Mannini (82° Herrera); Doumbia. A disposizione: Chironi, Di Chiara, Gustavo, Miccoli. Allenatore: Alberto Bollini.

FOGGIA (4-3-3): Narciso; Bencivenga, Loiacono, Potenza, Agostinone; Minotti, Agnelli, Quinto; Cavallaro, Sainz-Maza, Barraco (46° Iemmello). A disposizione: Micale, D’Angelo, Grea, D’Allocco, Sicurella, Leonetti. Allenatore: Roberto De Zerbi

ARBITRO: sig. Marco Serra di Torino

ASSISTENTI: sig. Nello Grieco di Macerata e sig. Giuseppe Monetta di Salerno

MARCATORI: 92° Doumbia (L)

AMMONITI: 12° Papini (L), 53° Bogliacino (L), 68° Embalo (L), 75° Leonetti (F), 77° Abruzzese (L)

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.