Tempo di lettura: 3 minuti
Papini
Romeo Papini

LECCE (di Carmen Tommasi) – Ignoranza, furbizia e concretezza: per Romeo Papini sono queste le tre caratteristiche fondamentali e imprescindibili che deve avere una squadra vincente di Lega Pro, soprattutto nel Girone C. Il “professore“, come lo chiama il patron Savino Tesoro, ritorna anche a parlare della gara persa domenica scorsa allo stadio “Arturo Valerio” di Melfi per 1-0: “Che titolo darei al match contro i lucani? Onestamente non saprei darne uno e credo che sia stata una gara come le altre che purtroppo abbiamo perso quest’anno. Sono convinto comunque che in ogni categoria – spiega il centrocampista romano, classe ’83 – ci siano delle credenziali e dei punti principali che fanno la differenza, questo naturalmente a parità di condizione fisica. Per me questi tre punti devono essere l’ignoranza, la furbizia e la concretezza: quando una di queste tre viene meno si discute di sconfitte come quella di Melfi”.

IGNORANTI, FURBI E… – L’ex Carpi prova poi a spiegare cosa voglia intendere con tali affermazioni: “Ignoranza nel senso di cattiveria agonistica e di segnali costanti da dare agli avversari durante la gara. Del tipo, in Lecce-Matera per cinque minuti Di Chiara ha spedito palla in tribuna e questo va bene. Ci manca anche la furbizia avuta ieri ad esempio dalla Juventus nel vincere una partita con una furbata, può e deve starci anche questo. La concretezza? Parlo di quel che è il senso del calcio, ovvero fare gol e purtroppo noi ultimamente non riusciamo ad essere concreti: non solo con gli attaccanti, ma anche con il resto della squadra. Abbiamo tante occasioni con tutti i componenti del gruppo, ma non riusciamo a buttarla dentro. La concretezza sotto porta ci sta venendo meno, perché fin lì facciamo quasi tutto bene”.
LIMITI CARATTERIALI – La formazione giallorossa viene accusata dai alcuni di avere poca grinta e carattere: “Sicuramente fuori casa rispetto alle gare del ‘Via del Mare’ abbiamo un’attenzione diversa, ma questo è dovuto anche dalla presenza del pubblico amico che magari ti dà un’energia diversa e ti carica. Prima ho parlato di sparare la palla in tribuna e con ciò voglio dire che durante la gara bisogna dare dei segnali importanti agli avversari, sempre e comunque. Anche se, ad onor del vero, il limite è sempre sottile, perché quando entri duro ti sbattono fuori 4 giocatori, mentre quando sei un po’ più molle, poi ti dicono che sei svogliato”.
Il tiro di Papini nella finale d'andata contro il FrosinoneERRORI EVITABILI – Le gare perse in questo ultimo periodo erano evitabili e frutto di errori gestibili: “La verità dice che nelle ultime 4-5 gare e comunque in quasi tutte quelle della gestione Bollini, le partite le abbiamo perse su un calcio d’anglo, un cross subito in tutta la partita e roba del genere. Se le abbiamo perse è perché è venuta meno l’attenzione e quest’anno al minimo errore veniamo puniti. Sicuramente siamo stati puniti al di sopra dei nostri errori e perdere una partita, come quella a Melfi, in cui in tutta la gara hai subito solo tre calci d’angolo, non è una cosa che ci fa essere oggi rasseganti, anzi… Anche perché sappiamo che domenica col Foggia sarà una sfida decisiva in cui dobbiamo fare di più”.
LA CONDIZIONE – Rispetto alla passata stagione la condizione fisica non sembra essere un problema: “Fisicamente stiamo bene e secondo me questo è importante in queste ultime 4 partite in cui dovremo giocare con il coltello tra i denti. Il Foggia? La nostra fortuna è che loro se la giocheranno a viso aperto e sono convinto che faremo bene. Gara da dentro o fuori? Non lo so, ma sicuramente sarà decisiva. Loro giocano un buon calcio e lo fanno in maniera offensiva. Sono molto bravi ed a mio parere dovremo scendere in campo con l’atteggiamento avuto col Benevento, in cui abbiamo preparato molto bene la partita e l’abbiamo interpretata nel giusto modo sul piano tattico, anche perché se ci lasciano spazi noi andiamo meglio. Su chi punto dei miei compagni in queste ultime gare? Su Lepore, che prima della squalifica era in grande forma; spero che lui ci possa dare un contributo importante in questo rush finale”.
Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.