Tempo di lettura: 3 minuti
Bollini Alberto
Alberto Bollini, allenatore U.S. Lecce

LECCE (di Carmen Tommasi) – Niente calcoli, massima attenzione ai particolari e testa solo e soltanto al Melfi. Questo il pensiero di Alberto Bollini alla vigilia della gara contro il Melfi che nell’ultimo turno ha messo k.o. la Casertana: “Il Melfi nelle ultime 6 gare ha ottenuto 4 vittorie, fa della corsa e dell’aggressività la sua arma migliore e ha ottenuto meritatamente la salvezza, ormai molto vicina. Io non faccio tabelle -spiega il tecnico di Poggio Rusco- e per me mancano 5 gare alla fine della stagione e non 10, queste sono solo chiacchiere. Il risultato delle altre partite lo analizzo dopo la nostra gara. Tutte le energie sono rivolte su di noi, bisogna essere concentrati sul Lecce e sulla consapevolezza della nostra forza che ci deve portare a fare la partita e ad interpretarla massimizzando le nostre forze”.

LA FORMAZIONE – Sugli undici iniziali e sul modulo il mister mantovano non si sbilancia: “Contro il Benevento seppur in emergenza abbiamo disputato una gara di sacrificio e tattica. Ora per la gara con il Melfi resta la situazione di emergenza, anche se rientrano tra i convocati Mannini e Miccoli ed entrambi con la loro professionalità possono darci una grossa mano. Ancora 3-5-2? Non ho ancora deciso con che modulo affronteremo l’impegno di domani, sappiamo interpretare bene sia la difesa a 3 o a 4 e possiamo organizzarci anche in corso di gara. Certamente senza Moscardelli ci dobbiamo adattare a prescindere dal modulo cambiando, ripeto, magari anche a gara in corso”.

L’AVVERSARIO – Il Melfi non è una squadra da sottovalutare o da prendere sotto gamba: “Da quando sono qui capita di incontrare le squadre nel loro momento migliore. Nella gara d’andata non guidavo io il Lecce, ma mi sono documentato e credo che abbiano fatto il miglior primo tempo della stagione, ma noi vogliamo ottimizzare al meglio le nostre energie cercando di migliorare quello che è migliorabile. Ora, già da domani, in trasferta vorremmo sia la prestazione, ma anche il risultato”.

PIEDI PER TERRA – Il primo obiettivo stagionale è fare bene, quindi, nel match di domani: ”Per me questo rush finale vale il campionato, ma non mi faccio condizionare dai risultati delle altre. Il nostro obiettivo è sempre lo stesso, ovvero arrivare ai play-off  e farlo in questo girone sarebbe come vincere il campionato. Dovremo essere bravi e attenti, hanno Caturano in avanti che è andato spesso al gol. Possiamo dire, dopo le penalizzazioni arrivate in settimana, che il Melfi è già salvo meritatamente. Mi aspetto un ambiente ricco di entusiasmo, ma non eccessivamente carico agonisticamente. Sarà una partita da giocare con attenzione e concentrazione”.

IL RICORSO – Infine, una battuta sulla sola giornata di squalifica tolta a Davide Moscardelli delle cinque via ricorso:Il calcio lo conosco bene e non mi aspettavo chissà cosa, purtroppo dobbiamo pensare a chi c’è a disposizione, dispiace per il ragazzo questo è ovvio. Anche se mi pare abbastanza strano che l’episodio di Pane, senza nulla togliere al giocatore, vale due giornate e invece Moscardelli ne abbia prese 5. Ora pensiamo a domani però e a nulla altro…”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.