Tempo di lettura: 2 minuti
marra-300x300
Fabrizio Marra

Fabrizio Marra, segretario del Partito Democratico di Lecce, pone l’attenzione sullo stato del mercato multietnico di Viale Aldo Moro e chiede che venga riqualificato:

IMG_3058 copia
Una delle foto allegate al comunicato stampa

“Raccogliendo numerose sollecitazioni e proteste da parte dei residenti di Piazza Partigiani e di Viale Aldo Moro, è doveroso segnalare lo stato di abbandono e degrado in cui versa il mercato multietnico posto nella zona est della città capoluogo. – Afferma Marra  che poi continua – Inaugurato il 23 aprile del 2011 dal Sindaco Perrone e dalla sua giunta, l’area mercatale in questione non ha mai iniziato di fatto la propria attività. Negli anni vi è stato anche un tentativo di rilancio della struttura da parte dell’Assessore alle attività produttive Luciano Battista, il quale nei primi di febbraio del 2014 annunciava l’intenzione di renderla operativa. È imbarazzante constatare ad  esattamente quattro anni dalla sua inaugurazione come quello che doveva essere il mercato multietnico della città, finalizzato a togliere dalla strada ambulanti e abusivi, oggi sia il bersaglio di teppisti, versando in uno stato di totale incuria e abbandono, essendo  avvolto da erbacce, frequentato da animali randagi e oggetto di scritte sui muri e vetrate imbrattate, come documentato dalle foto. La struttura costata milioni di euro deve trovare, per il PD leccese, un’immediata riqualificazione, anche in considerazione delle necessità di ubicazione di molti operatori commerciali che lavorano nella nostra città. Gli utilizzi dell’area mercatale potrebbero essere molteplici, considerando anche la grande area di parcheggio ivi esistente. – Poi conclude – Invitiamo pertanto l’Assessore al ramo ed il Sindaco a  porre a breve al primo posto dell’agenda politica dell’amministrazione comunale anche un progetto concreto per rendere operativo il cosiddetto mercato multietnico, sperando di non dover tornare nel periodo pasquale del prossimo anno sullo stesso problema”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.