Tempo di lettura: 2 minuti
11009882_10204144518788740_5666007421876144259_n
La locandina dell’Assemblea

Venerdì 27 marzo a Trepuzzi si parlerà di Xylella Fastidiosa e di tumori che sono due ferite aperte per il Salento martoriato.  Xylella e cancro perché? Potrebbero concatenarsi come problemi e creare l’ennesimo mostro del territorio. Per curare il batterio infatti il Commissario straordinario Silletti ha deciso di far trattare chimicamente gli ulivi; questo preoccupa non poco la LILT. La ricaduta che questi pesticidi potrebbero avere sull’alimentazione e quindi sul proliferare di malattie tumorali potrebbe diventare l’ennesima spada di Damocle sul capo dei salenti che combattono ogni giorno con le cifre angosciose  delle vittime del cancro che colpisce senza pietà.

L’Assemblea cittadina, dal titolo “Dall’Affaire Xylella all’allarme Tumori nel Salento”, si terrà presso la Sala Consiliare a partire dalle ore 18. Moderatore dell’incontro sarà Antonio Soleti, Direttore Editoriale del web giornale Paisemiu; interverranno il Presidente di LILT Lecce e oncologo Giuseppe Serravezza, il sociologo e giornalista Luigi Russo, il presidente dell’associazione Spazi Popolari Ivano Gioffreda, la giornalista Tiziana Colluto, lo speaker di Radio Ciccio Riccio Gianluca Ziza ed il cantante dei Sud Sound System Nandu Popu.

Sulla locandina dell’incontro c’è un passaggio del documento con cui la LILT disapprova categoricamente il trattamento chimico contro la Xylella: «… Il pericolo è che la cura sia di gran lunga peggiore dell’infezione essendo la chimica (e i pesticidi lo sono) responsabile di gravi danni alla salute umana, come accreditati organismi scientifici sostengono sulla base della ricerche portate avanti nel mondo. Oms, Unep e la Comunità Europea esprimono evidenze circa la cancerogenicità di numerose molecole chimiche e invitano a precauzione, riduzione e alternative agli usi e agli abusi di esse…».

Nandu Popu
Nandu Popu

Il problema della “Xylella Fastidiosa” è molto serio, basta pensare che sono più di ottomila gli ettari colpiti da questo batterio, il pericolo che l’epidemia continui ad espandersi è reale. Secondo le stime sarebbero centinaia di migliaia le piante da abbattere. Un vero colpo di bisturi alla bellezza del Salento e ad una parte importante della sua economia. Bisogna cercare e trovare altre soluzioni che parrebbero esserci. La Xylella si può curare.

Presente all’incontro Nandu Popu, che è uno dei tanti artisti scesi in campo per difendere gli ulivi; l’appello è stato lanciato da Al Bano ed è stato raccolto, per ora (ma crescono di giorno in giorno le adesioni), dai Sud Sound System, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Edoardo Winspeare, Ennio Capasa, Raffaele Casarano, Emma Marrone, Après la classe, il duo comico Nuzzo e Di Biase, Boomdabash, Crifiu e Bundamove.

 

 

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.