Tempo di lettura: 3 minuti
Bollini alberto 1
Alberto Bollini, allenatore U.S. Lecce

LECCE (di Carmen Tommasi) – Una vittoria meritata e mai messa in discussione quella del Lecce, dopo due sconfitte di fila, contro l’Aversa Normanna. Ne é più che soddisfatto il tecnico giallorosso Alberto Bollini che, a fine match, esprime tutta la sua soddisfazione per i tre punti scaccia-crisi: “Vittoria convincente quella di oggi, anche perché il nostro obiettivo per la gara odierna era vincere  e per conquistare i tre punti è ovvio che bisogna segnare. Prima di incontrare l’Aversa venivamo da due gare in cui ci era mancata solo la rete, ma dal punto di vista delle occasioni prodotte non eravamo certamente stati da meno. Non eravamo una squadra giù di morale -precisa l’allenatore di Poggio Rusco- come, dopo le tre vittorie successive al mio approdo sulla panchina giallorossa, non ci eravamo particolarmente esaltati. In questa categoria, fare una buona prestazione però non basta e oggi abbiamo unito al buon gioco sviluppato la realizzazione di tre gol che ci hanno portato a vincere una partita importante; questo anche se non siamo stati sempre belli. Devo ringraziare i tifosi che ci sono stati sempre vicino. Per il bene del Lecce, come ho detto ieri, tutti devono darci il loro sostegno. Oggi l’abbiamo ricevuto da parte di molti, anche se non ancora da parte di tutti”.

L’ANALISI – L’ex di Eddy Reja analizza in maniera approfondita il match contro gli uomini di Salvatore Serra: “Abbiamo vinto perché siamo riusciti a fare gol, anche se ci sono servite otto nitide occasioni da rete per realizzare tre marcature. La nostra è stata una bella prova, e siamo stati certamente favoriti dall’aver trovato subito il gol. Su questo, come avevo detto ieri, avevamo lavorato molto e con intensità in settimana. Abbiamo gestito bene il resto del match, creando ancora tanto. Una vittoria questa che meritano tutti: i giocatori, lo staff tecnico, la società, l’ambiente e chi ci ha sostenuto nel corso della gara”.

HERRERA & CO. – Una prestazione corale ed importante quella della formazione giallorossa: “Oggi sono soddisfatto perché tutti i miei ragazzi si fanno trovare pronti e mi offrono grande disponibilità, come Filipe Gomes che dalla tribuna, con grande sacrificio, è passato alla panchina per il forfait di Lopez. Quest’ultimo, da due giorni, soffre di un virus intestinale e ha cercato di esserci fino all’ultimo, ma nel riscaldamento abbiamo valutato che era meglio non rischiarlo. Herrera? Il ragazzo ha mezzi importanti che gli consentono di giocare bene in un ruolo che non è il suo, ma che ha interpretato alla grande, anche se può ancora migliorare in alcuni movimenti e ci lavoriamo ogni giorno per questo. All’inizio era un po’ ‘tirato’, ma poi ci ha messo ritmo e quando lo fa è imprendibile. Gli attaccanti hanno fatto molto bene, raccogliendo i frutti del lavoro svolto. Ci serviva ritrovare confidenza con il gol e segnarne tre è stato molto importante. Miccoli? Ho un ottimo rapporto con lui e mi ha sempre offerto massima disponibilità, anche per giocare cinque minuti come è stato oggi. Non c’è nessun problema, anche se spesso intorno al suo nome si vuole fare cronaca o cose del genere. Siamo sereni ed è tutto ok. Pensiamo a chi gioca e non solo a chi subentra…”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.