Tempo di lettura: 2 minuti

 

10922925_10204376476504526_161930383_oLECCE (di Massimiliano Cassone) – Metti un sabato mattina piovoso ed un vento di scirocco antipatico che consiglia di rimanere a casa. Metti un po’ d’ansia prima dell’avvio di ciò che si è curato nei minimi dettagli, con amore, con passione e determinazione. Metti insieme tanti giorni di lavoro; e già, metti tutto insieme aggiungendo una redazione giornalistica fatta di persone che amano sognare il sole oltre ogni nube ed ecco “Il Vino Rosato nel Salento – un’iniziativa per promuovere il territorio”.
Il convegno, organizzato dalla redazione giornalistica de Leccezionale, si è svolto questa mattina presso l’Alex Ristorante al Circolo Tennis “Mario Stasi” di Lecce alla presenza di oltre cento persone che hanno presenziato e gustato, alla fine dei lavori, l’aperitivo preparato dal Ristorante Alex, innaffiando frittini, sushi, riso, pizzette, parmigiana e tante altre prelibatezze con i vini rosati delle Cantine Castello Monaci, Duca Carlo Guarini, Paolo Leo, Due Palme e Leone de Castris.

10913457_10204376476744532_2003587853_nHa moderato, con l’eleganza di un cigno, la giornalista Silvia Famularo che ha interagito con gli illustri ospiti presenti: Fabrizio Nardoni (Assessore alle Risorse Agroalimentari Regione Puglia), Alessandro Delli Noci (Assessore all’Innovazione tecnologica Comune di Lecce), Massimiliano Apollonio (Presidente Enologi Puglia, Calabria e Basilicata), Luigi Seracca Guerrieri (Cantina Castello Monaci), Giovan Battista Guarini (Cantina Duca Carlo Guarini), Nicola Leo (Cantina Paolo Leo),  Roberta Rango(Cantine Due Palme), Piernicola Leone de Castris (Cantina Leone de Castris), Enzo Scivetti (responsabile Onav).

È stata una mattina di racconti, di ricordi, di orgoglio salentino per un prodotto fortemente salentino; i relatori tutti si sono raccontati, presentando non solo le proprie cantine ma illustrando quella che è la loro passione, perché senza passione l’uva non diventerebbe vino.

10965566_10204376478984588_829190132_nAl centro dell’attenzione c’è stato lui: il Rosato. Colore tenue e profumo fruttato per tener compagnia su tutte le tavole e con tutti gli alimenti. Il Vino Rosato che alla fine si è concesso ai presenti accarezzando il palato in una mattina piovosa di fine gennaio che non poteva essere più bella.

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.