Tempo di lettura: 2 minuti

consiglio comunale LecceLECCE – Un breve concerto aprirà di fatto le celebrazioni del 150° anniversario dell’insediamento dei Consigli Comunali nel nostro Paese. L’appuntamento è fissato per oggi pomeriggio alle ore 17:00, nell’aula consiliare di Palazzo Carafa, poco prima dell’avvio dei lavori del primo consiglio comunale del 2015. Ad eseguire alcuni brani sarà l’Orchestra giovanile dell’Istituzione “Tito Schipa di Lecce. Lo slogan adottato a livello nazionale per i 150 anni del Consiglio Comunale è “Celebrare per Conoscere”. In programma ci sono numerose attività che avranno come protagonisti soprattutto i giovani. L’obiettivo, infatti, è quello di rilanciare il ruolo del Consiglio Comunale per riavvicinare i giovani alla politica.

Il 29 marzo 1865 fu varata la Legge n. 2248 per l’Unificazione amministrativa che comprendeva sei provvedimenti tra cui quelli riguardanti l’Amministrazione comunale e provinciale. Il Regno fu suddiviso gerarchicamente in vari livelli amministrativi (province, circondari, mandamenti e comuni). Il Comune era retto da un Consiglio comunale elettivo, una giunta municipale, un segretario comunale e un ufficio comunale. La figura del sindaco era ibrida: definito dalla legge “Capo dell’amministrazione comunale ed ufficiale del Governo”, era sia il rappresentante della comunità locale che del Governo centrale. Non veniva eletto dai concittadini, ma nominato per decreto regio fra i consiglieri comunali, scelto – su proposta del prefetto – dal Ministero dell’Interno. Il Consiglio comunale di Lecce, dunque, compie 150 anni. Da allora ad oggi il nostro Paese ha affrontato battaglie, lotte e sacrifici per la realizzazione di una società democratica. L’aula consiliare è luogo privilegiato di democrazia, ambiente naturale in cui attraverso il dialogo ed il confronto si può e si deve contribuire al progredire della nostra comunità. Se all’interno dell’Aula consiliare alla maggioranza spetta il compito di amministrare con correttezza il Comune, alla minoranza spetta quello di esercitare il controllo democratico; primo obiettivo del Consiglio comunale è quello di non tradire le aspettative di benessere e sviluppo della nostra comunità, garantendo attraverso un dialogo collaborativo e costruttivo una politica di prossimità. La promozione della dignità umana dovrà sempre essere la bussola dell’azione di tutta l’assise cittadina. Il Consiglio Comunale dovrà sempre più essere luogo di crescita, politica certamente, ma anche culturale e sociale.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.