Tempo di lettura: 2 minuti
961462_10204216598507676_2099178147_n
Dino Pagliari, allenatore U.S. Lecce

LECCE (di Carmen Tommasi) – Di certo non sognava un esordio così. Inizia con un 3-3 in rimonta, sofferto e con il Lecce in superiorità numerica per tutto il secondo tempo l’avventura del tecnico Dino Pagliari sulla panchina giallorossa e con la squadra sommersa dai fischi del “Via del Mare” a fine match: “Se abbiamo regalato tanto? Forse tutto e lo avete visto anche voi, non c’è molto da dire. Abbiamo preso gol –esordisce l’ex Pisa- dopo pochissimi minuti, una rete che avrebbe abbattuto qualsiasi squadra, ma poi ci siamo rimessi in careggiata e sono stati bravi anche i nostri avversari. Onestamente, però, in questa sconfitta ci abbiamo messo del nostro, nonostante i bei gol di Miccoli, Lepore e Moscardelli”.

LECCE MALATO – La squadra sembra non riuscire a reagire, ormai da tempo, alle difficoltà e la piazza chiede degli interventi della società sul fronte calciomercato in entrata: “Datemi il tempo di capire la gente che ho a disposizione e poi vediamo. Gli errori sono collettivi e io non credo negli errori individuali. Penso che sia una forma mentis in generale che va resettata. Se vinci 3-2 in superiorità numerica devi mettere una saracinesca e chiudere la gara. Parlerò domani con i miei ragazzi, perché dopo la partita non lo faccio mai”.

GIOCARE INSIEME – Il neo allenatore giallorosso vuole solo una “cosa” dalla sua squadra: “Cosa mi ha deluso di più della gara di oggi? La gente deve giocare insieme e i miei ragazzi lo sanno, dobbiamo imparare a farlo e dobbiamo migliorare in questo. Gli aspetti positivi? Abbiamo fatto 3 gol e ne potevamo fare 6 o 7 altri, ma se ne hai preso tre non va bene”.

FILIPE SPENTO? – A chi gli chiede se ha visto in mediana un Filipe Gomes Ribeiro giù di tono, Pagliari “glissa” così: “Non è corretto parlare dei singoli, non lo faccio mai. Dentro il Lecce non ci sta solo lui; Filipe si è allenato meno giorni con noi. Non ha perso solo lui, ma siamo noi ad aver riaperto una gara chiusa. I problemi della mia squadra? L’errore individuale può essere coperto dagli altri, è un gruppo che deve costruire una propria identità che deve essere netta, solo questo…”

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.