Tempo di lettura: 2 minuti
DSCF4609
Lo striscione esposto dai tifosi

LECCE (di Carmen Tommasi) – Cielo grigio, clima da pieno inverno, tifosi desiderosi di riscatto e tanta voglia di ritornare vincenti per il nuovo Lecce targato Dino Pagliari. Inizia con il sorriso del tecnico di Macerata, con l’abbraccio e con ben tre pacche sulle spalle di quest’ultimo a capitan Fabrizio Miccoli la prima seduta d’allenamento dei giallorossi con la neo-guida tecnica davanti agli occhi attenti e fiduciosi del diesse Antonio Tesoro.

TIFOSI RUMOROSI – Sugli spalti del “Via del Mare” erano presenti un centinaio di tifosi che hanno assistito a tutta la seduta di lavoro di Papini e soci e  che hanno contestato spronando la squadra con numerosi cori, petardi e con uno striscione che lascia poco spazio all’immaginazione: “Tesoro gennaio sta arrivando”, “Tesoro caccia li soldi”, “Savino Tesoro devi comprare, in serie B vogliamo tornare”, “Onorate la maglia”, “La gente come non molla mai” e l’ordine nei confronti della squadra di “Cacciare fuori le pal…”; infine: “Pagliari falli sudare”: questi sono solo alcuni dei cori intonati dagli ultras giallorossi verso la comitiva salentina.

“IL MANNO” & CO ASSENTI – Non hanno svolto l’allenamento di oggi perché in permesso Mannini, Bogliacino e Filipe Gomes (quest’ultimi due rientreranno in sede il prossimo due gennaio, perché rientrati nei rispettivi paesi d’origine e hanno quindi usufruito di alcuni giorni in più di vacanza rispetto al resto del gruppo). Ha lavorato, invece, come sempre in differenziato l’infortunato difensore brasiliano, Marcus Diniz.

DSCF4614
Redavid e Pagliari

IL PROGRAMMA – Per domani, invece, è in programma una doppia seduta d’allenamento al “Comunale di Squinzano” per iniziare la settimana di lavoro in vista della prima gara del 2015, quella casalinga del 6 gennaio contro la Vigor Lamezia e valida per l’ultima giornata del girone d’andata di Lega Pro Unica.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.