Tempo di lettura: 1 minuto

Lerda con Antonio e Savino TesoroLECCE (di Car. Tom.) – Sembra essere ormai del tutto arrivata al capolinea l’avventura del tecnico Franco Lerda sulla panchina del Lecce. Dal club di Piazza Mazzini bocche cucite in queste ore, ma nella mattinata il presidente Savino Tesoro ed il direttore sportivo e figlio Antonio, nella residenza di Bergamo, avrebbero incontrato l’allenatore di Fossano per prendere una decisione sul futuro della guida tecnica, dopo i tre pesanti k.o. di fila, l’ultimo di domenica scorsa in casa dell‘Ischia Isolaverde che ha tirato fuori la formazione salentina anche dalla zona playoff.

La squadra in questi giorni è in vacanza e il 28 dicembre alle ore 16:30 Miccoli e soci si ritroveranno al “Comunale di Squinzano” per la ripresa della preparazione, in vista dell’ultima gara del girone d’andata del 6 gennaio prossimo contro la Vigor Lamezia delle ore 19:30. La decisione di separarsi dall’ex Toro da parte della famiglia Tesoro, dopo quasi tre anni di convivenza, dovrebbe essere data nei prossimi giorni o ore. Niente è ancora ufficiale, però, e i vertici originari di Spinazzola vogliono riflettere bene e ponderare la scelta. 

Uno dei papabili per la panchina giallorossa sembra essere l’ex Cremonese Vincenzo Torrente, che sarebbe il più accreditato al momento: nel curriculum dell’ex Bari c’è una promozione miracolosa con il Gubbio in serie B. Gli altri nomi, o meglio le alternative, potrebbero essere Mario Somma ex Salernitana e Alessandro Calori, ex  Brescia, Padova e Novara. Infine, ci sarebbe anche Davide Dionigi, già vicinissimo alla panchina del Lecce nella passata stagione dopo l’esonero del salentino Francesco Moriero.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.