Tempo di lettura: 5 minuti

natale5LECCE (di Italo Aromolo) – Al teatro “Antoniano” il Natale si tinge di giallorosso. Questo pomeriggio alle ore 18:30, alcuni rappresentanti dell’ U.S. Lecce hanno incontrato i tifosi giallorossi per il consueto scambio di auguri natalizi. L’evento, organizzato dalla neonata associazione di tifosi “Passione Lecce”, ha visto la partecipazione di una folta rappresentanza di tessserati della società: c’erano mister Franco Lerda, i calciatori Daniele Mannini, Walter Lopez, Checco Lepore, Giuseppe Abruzzese, Nicolò Donida, Marco Rosafio, Filippo Carini. A fare le veci della dirigenza, la signora Maria Tesoro e il team manager Francesco Lillo. La platea ospitava un centinaio di bambini provenienti dalle scuole di tutto il Salento, in particolare da Lecce, Caprarica, Monteroni, Torchiarolo, Castromediano.

La serata, condotta dallo speaker del “Via del Mare” Piergiorgio Mazzotta e da Daniela Panzera, si è aperta con la lettera del Sindaco di Lecce Paolo Perrone, che non ha potuto presenziare per impegni istituzionali: “Sono certo che la squadra per cui pulsa il nostro cuore ci farà vivere un anno nuovo eccezionale. Nonostante le due sconfitte consecutive, viviamo questo momento con allegria e serenità”. Successivamente sono stati chiamati sul palco il presidente di “Passione Lecce”, Diego Frigino, i presidenti delle tre associazioni accorpatesi (Antonio Ricciato per “Salento Giallorosso”, Alessandro Arnesano per “Lecce in Azione”, Francesco Stanca per “Noi Lecce”) e l’avvocato Oronzo Valletta, rappresentante dei tifosi dell’U.S. Lecce in seno ai C.d.A. inerenti la tifoseria.

Maria Tesoro
Maria Tesoro

Passione Lecce nasce come associazione che accolga non solo i membri che più strettamente ne fanno parte ma tutto il Salento “ – ha ribadito il presidente Diego Frigino “ In un momento di difficoltà, era impensabile che il tifo giallorosso fosse frammentato in tante piccole associazioni. Per quanto riguarda il campo, bisogna stare vicini alla squadra soprattutto nei momenti non facili. Il pubblico di Lecce è sempre stato molto sportivo e lo ha dimostrato in passato: Verona e Frosinone sono solo due esempi. Mi rivolgo ai bambini: domenica a Ischia verrano persone dalla Svizzera, che spenderanno tempo e denaro per seguire la squadra. Questo solo per amore per il Lecce.”

Nel clou della serata, i beniamini giallorossi sono stati chiamati uno a uno sul palco, accolti da boati e applausi dei tanti campioncini in erba.

In una coloratissima cornice d’entusiasmo (ogni ragazzo è stato fornito di un cartoncino giallo o rosso), la prima a parlare è stata la signora Maria Tesoro: “ Io vivo del vostro entusiasmo e sono felicissima di poter partecipare a questo evento” – ha esordito un po’ emozionata la first-lady giallorossa – “ In un momento particolare, è questo quello di cui abbiamo bisogno: dobbiamo comunicare gioia e positività e le cose belle arriveranno. Auguro a tutti un sereno Natale, che ci porti ciò che desideriamo in maniera più forte.”

E’ stato poi il turno del team manager Francesco Lillo: “ Complimenti a tutti per l’iniziativa. Mi auguro che tutti questi ragazzi facciano le fortune della maglia giallorossa in un futuro non lontano. Un felice Natale e un bellissimo 2015 a tutti.”

Franco Lerda
Franco Lerda

Acclamatissimo, il tecnico Franco Lerda ha fatto il punto della non facile situazione che si respira: “ Ero così preso dalle vicessitudini calcistiche che non mi ero neanche reso conto che il Natale fosse alle porte. Siamo in un mondo in cui si vive di risultati: è un momento particolare e sono il primo ad esserne dispiaciuto. Il gruppo è fantastico: certo, a volte i ragazzi mi fanno arrabbiare ma sarebbe strano se non lo fosse. Sabato scorso la nostra prestazione non è stata degna di questa maglia e di questa società, che ci sta mettendo tanto impegno e denaro. Dobbiamo dare il massimo, nessuno ci regala nulla. Quando sento che non si può sbagliare più, dico che non è vero: ci siamo già giocati alcuni bonus, ma sbagliare fa parte della vita. Solo chi fa sbaglia. Andiamo avanti per la nostra strada”.

Il difensore Daniele Mannini è rimasto colpito dall’entusiasmo che circonda il Lecce e i suoi calciatori: “ Direi che l’entusiasmo nel quotidiano è uno degli aspetti più belli di questa città. E’ un momento difficile, ma siamo compatti e faremo meglio. Una promessa? Daremo il massimo, sempre.”

Inizia con una battuta sul suo ”indecifrato” ruolo in campo il Nicolò Donida-pensiero: “ Sono un destro naturale e di solito gioco lì, ma in carriera sono stato schierato anche come terzino sinistro. Fondamentalmente è uguale. Lecce è una città bellissima, l’entusiasmo è tanto e il gruppo è coeso: ci sono tutte le basi per far bene.”

I vertici dell'Associazione "Passione Lecce"
I vertici dell’Associazione “Passione Lecce”

Il centrocampista Stefano Salvi paragona la piazza di Lecce ad una di categoria superiore: “L’entusiasmo che c’è qui è difficile trovarlo anche in certe piazze di Serie A. Sono a Lecce già da due anni, ma quando scendo in campo provo le stesse emozioni della prima volta.”

Il mastino Walter Lopez promette un pronto riscatto: “ Le due sconfitte ci hanno caricato, saremo più forti di prima. Vedrete domenica. Dobbiamo ripagare questa società che in sede di calciomercato è riuscita a mettere insieme una squadra fortissima, fatta di calciatori esperti e di qualità”.

Poco utilizzato in campo ma importante per gli equilibri dello spogliatoio, Filippo Carini ha lasciato soltanto intravedere le sue qualità: “Le grandi squadre devono avere una rosa ampia per poter sopperire alle assenze. Il Lecce lo è. Mi alleno sempre al massimo: l’obiettivo è farsi trovare pronti in caso di chiamata del mister.” Sulla stessa lunghezza d’onda il giovane Marco Rosafio: “ Mi alleno per mettere in difficoltà il mister.”

natale7Chiudono le parole di fuoco quelle del leccese doc Checco Lepore: “Per questi ragazzi il sogno deve essere il Lecce, altro che la Juventus, il Milan o l’Inter. Il Lecce è una cosa che senti dentro. Io volevo tornare qua e ce l’ho fatta. Mi tengo stretto un sogno che ho realizzato e non mollo di un centimetro.”

La serata si è chiusa con le innumerevoli foto di rito, la caccia all’autografo e la distribuzione di un piccolo omaggio a tutti i presenti.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.