Tempo di lettura: 1 minuto
Salvi Foggia
Salvi, Sala stampa stadio Zaccheria

FOGGIA (di Italo Aromolo) – Parte dalla fine Stefano Salvi nell’analizzare Foggia-Lecce, gara terminata 2-0 in favore dei padroni di casa:

“Se i tifosi ci hanno applaudito quando siamo andati sotto la curva al termine della gara, vuol dire che la prestazione c’è stata e lo hanno visto. Se giochiamo sempre così, di partite ne perderemo poche. Certo, se poi dopo il fallo dubbio l’arbitro non fa posizionare la barriera almeno a 12-15 metri di distanza, le cose potevano andare diversamente. Caglioni non ha fatto una parata, noi abbiamo sbagliato tantissimo e quando vai sotto al ’90 in questo modo rosichi. Il Foggia ha giocato il primo quarto d’ora, poi siamo emersi noi. Il secondo tempo abbiamo tirato i remi in barca? Non direi, forse lo è sembrato perché avevamo verticalizzato molto nel primo e nel secondo invece ci siamo più dedicati al palleggio. In campo ci sono anche gli avversari” – conclude il centrocampista romano.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.