Tempo di lettura: 3 minuti
nicola ragno
Mister Nicola Ragno, Nardò (foto D.Nestola- acdnardo.it)

Nardò (di Gabriele De Pandis)- Il vincente Nicola Ragno si prepara a dire la sua anche a Nardò. Il trainer barese, alla prima esperienza salentina dopo le vittorie ad Andria e Monopoli, traccia il bilancio della prima settimana di gestione granata. Il debutto con la compagine neretina ha portato in dote a Ragno la roboante vittoria di Bitonto, il miglior viatico possibile per il prossimo turno, giornata che vedrà di scena al “Giovanni Paolo II” la sorprendente capolista Atletico Vieste, distanziata di 6 punti dal Toro terzo ed alla ricerca della definitiva fuga in solitaria.

La sua gestione a Nardò è cominciata col modo migliore con lo 0-3 a Bitonto.

“Si, è stata un’ottima partita. Sapevamo di andare a giocare su un campo difficile; a mio parere il Bitonto è un’ottima squadra di metà classifica dotata di un buon collettivo. Siamo stati avvantaggiati dalla prima espulsione dopo 10’ e poi il secondo rosso ci ha definitivamente agevolati. Sullo 0-3 ci siamo fermati un po’ ed abbiamo deciso di gestire la partita”.

Che gruppo ha trovato al “Giovanni Paolo II”?

“Un gruppo molto affiatato. I ragazzi scherzano e ridono tra di loro, non c’è invidia. Non ho mai trovato situazioni così. In più, sono molto vogliosi e attenti, cercano di applicare ogni mio dettame tattico anche esagerando nell’esecuzione. Come si trovano col mio 4-4-2? Beh c’è qualche difficoltà, io sono il terzo allenatore stagionale e non è stato facile passare dalle idee tattiche di Mosca a quelle mie, passando poi per quelle di Walter Monaco. Ognuno, giustamente, ha la propria idea di calcio e questi problemi sono da mettere in conto. I ragazzi però sono molto disponibile ed il percorso che ho avviato sta andando bene, sia sul piano tattico che su quello fisico. C’è comunità d’intenti”.

Domenica ci sarà lo scontro al vertice col Vieste. Quanto conterà la sfida alla capolista in questa fase cruciale del campionato?

“Sarà decisiva. È vero che il campionato e lungo e in palio ci sono sempre i soliti tre punti, ma la partita di domenica sarà molto importante. Tutte le squadre faranno il tifo per noi e una nostra vittoria accorcerebbe il campionato. Trani, Altamura, Francavilla, Mola e Molfetta si augurano una vittoria del Toro; così il campionato diventerebbe più avvincente. In ogni caso, domenica non è un’ultima spiaggia, specialmente a causa del calciomercato in corso. Tutte le compagini si stanno rinforzando e il torneo, livellato verso l’alto, diventerà più bello con tanti scontri diretti”.

Prima ha esaltato il gruppo, ma nella prima partita della sua gestione è da menzionare il rendimento di Bozzi, tornato al gol a Bitonto con una doppietta dopo un periodo difficile.

“Ho visto Bozzi in alcune gare precedenti ed ha fatto cose buone e cose meno buone. Con la mia venuta, ha fatto subito 2 gol, precedentemente è stato molto sfortunato e, come in ogni attaccante, solo gol aiuta. Il ragazzo ha tanta voglia di farsi vedere in questo periodo, anche col il suo spirito di sacrificio in fase difensiva, compito svolto al meglio”.

Il calciomercato vi ha già portato Corvino e Fiorentino. Si aspetta altri colpi?

“Con il d.s. Corallo lavoriamo in sintonia. Abbiamo le nostre idee e solamente il campo può confutarle o approvarle. Secondo me, l’organico è di grandissimo livello ed il Nardò è la squadra che gioca meglio a calcio del campionato di Eccellenza Pugliese. Qualcosa è stato già fatto, Corvino e Fiorentino sono due elementi più che positivi, e qualcosa si potrà fare. Tutto è però rimandato alla settimana prossima. Aspettiamo ciò che ci verrà detto dal rettangolo verde”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.