Tempo di lettura: 2 minuti
Pierre Modeste Eggmann
Pierre Modeste Eggmann

MAGLIE (di G. De Pandis) – Una storia di un ragazzo come tanti, venuto dall’Africa per inseguire il sogno del grande calcio e poi costretto all’ennesima ripartenza perché la macchina tritatutto del calcio va sempre veloce, a tratti troppo, non permettendo sufficienti appelli. Ora si appresta a cominciare una nuova vita calcistica, pronta a cominciare sotto il fioco sole invernale del Salento. Secondo alcune indiscrezioni raccolte, Pierre Modeste Eggmann, attaccante classe 1989, è pronto a sbarcare al Toma Maglie, per rilanciarsi dai campi della Promozione Pugliese, categoria dove è impegnata la compagine salentina. Il camerunense in questi giorni si sta già allenando con il gruppo giallorosso, ben figurando nell’amichevole settimanale contro il Minervino andando a segno per due volte.

La punta africana, dal fisico importante (192 centimetri di altezza per 86 chilogrammi) è arrivato in Europa grazie al Sion, che per tre stagioni ha contribuito alla maturità tecnica e sportiva del ragazzo. Con la formazione B della compagine vallesana, Eggmann ha realizzato 13 gol in 44 presenze spalmate in tre campionati dal 2006/’07 al 2008/’09. Dopo le tre stagioni nel Canton Vallese, il Thun decise di scommettere sulla punta camerunense, ma l’avventura con il club che nel 2011 estromise il Palermo dall’Europa League si concretizzò sempre nella formazione B, con risultati comunque più esaltanti: 19 reti in 34 partite.

La fine della trafila giovanile in Svizzera coincise poi, in occasione del campionato 2011/’12 con il trasferimento in Ungheria, al Veszprèm FC (Serie B magiara). L’esperienza ungherese, durata solo un anno, fu corredata da 9 reti in 14 partite. L’anno dopo, ecco il ritorno in Svizzera: prima in Quarta serie con l’Oerlikon (8 gol in 13 apparizioni) e poi, l’anno scorso, sei mesi in Terza serie al Wettswil prima del ritorno all’Oerlikon. Eggmann, assistito dalla TGSoccer, è un calciatore che, nonostante il ruolo di prima punta, non disdegna il ruolo di assist-man, ragion per cui è stato spesso impiegato anche da seconda punta, data la sua preferenza per il gioco negli spazi. Quest’anno l’iniziale salto in Terza serie, con la maglia del Baden, prima dello svincolo, formalizzato con rescissione consensuale. Ora la possibilità dello sbarco in Salento, con la blasonata casacca del Maglie, squadra da molti anni costretta a militare nei campi polverosi delle categorie minori.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.