Tempo di lettura: 2 minuti

Lecce, leccezionale.itLECCE (di Carmen Tommasi) – E sono meno tre dalla vetta. Il Benevento del tecnico Fabio Brini si sveglia troppo tardi e il Lecce di Franco Lerda, in una partita quasi perfetta, espugna per 2-1  lo stadio “Ciro Vigorito” e continua la rincorsa verso un posto in paradiso. Prima sconfitta stagionale per i campani giallorossi, mentre per capitan Abruzzese e soci si tratta del settimo risultato utile di file, in attesa dell’arrivo del Melfi sabato pomeriggio al “Via del Mare”, con fischio d’inizio alle ore 19:30, per la quindicesima giornata del girone C e per continuare sulla striscia di prestazioni positive.

DIFESA

TopGiuseppe Abruzzese è stato autore non solo del gol del 2-0 come un vero e proprio rapinatore d’area di rigore, ma anche di una prestazione diligente e attenta in fase difensiva. Il capitano guida con ordine e grinta la linea a quattro giallorossa e lo fa fino al fischio finale. Onnipresente.

Flop Walter Lopez è sembrato anche oggi nervoso, sparagnino e poco vigile sull’out sinistro, spesso in difficoltà nell’uno contro uno: il terzino uruguaiano, dopo un inizio di campionato al top, sembra essere ultimamente con il fiato corto e poco propositivo anche quando deve spingere in avanti. A tratti spento, quasi flop. DALLE PARTI DI BOMBER “ABRU” NON SI PASSA,  LOPEZ SI RISCOPRE TIMIDO.

CENTROCAMPO

Salvi, leccezionale.itTutti top – Il vero padrone del centrocampo giallorosso è stato Stefano Salvi, il migliore in assoluto del match e non solo per la perla dalla distanza di destro che ha portato i giallorossi in vantaggio. Il 27enne romano, di rientro dall’infortunio al legamento collaterale mediale del ginocchio destro, ha ripreso subito per mano il Lecce: entusiasmo, inserimenti e tanta grinta per la mediana salentina. Finalmente è tornato, prezioso. Così come è da applaudire la prestazione del brasiliano Filipe Gomes Ribeiro, autore questa volta di una gara al bacio, la migliore dell’ex Perugia in giallorosso, perchè lui è quel tipo di  giocatore che sa dare del “tu” al pallone (gara sporcata solo dal rosso finale). Applausi anche per Romeo Papini, sempre utile alla causa ma questa non è una novità. CHAPEAU A FILIPE, IL REGISTA COI FIOCCHI DEL MIGLIOR PERUGIA, IL “PAPO” SEMPRE PREZIOSO, GOL D’AUTORE DI SALVI, BENTORNATO.

ATTACCO

Top – Quando Alessandro Carrozza è in giornata non ce n’è davvero per nessuno: classe, corsa e impegno, oltre che giocate importanti, a favore dei suoi. Oggi all’esterno gallipolino è mancato solo il gol e quando sarà al top della condizione per gli avversari sarà un elemento ancora più duro da contenere. A tratti paradisiaco.

Flop Abdou Doumbia, dopo la doppietta al bacio della scorsa partita realizzata con il Catanzaro, contro i sanniti è apparso un po’ in ombra e a tratti fuori dalle dinamiche di gioco. Stanco e impacciato, ma comunque generoso in fase di non possesso e vivace nelle ripartenze, quasi “imprendibile” per gli avversari nel primo tempo. L’ex Parma perde Padella nell’occasione nell’azione gol dei sunniti. Semi-flop. CARROZZA CUORE TUTTO GALLIPOLINO E DUDÙ SI RISPARMIA.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.