Tempo di lettura: 2 minuti
s negro
Salvatore Negro

LECCE – Ieri il Consiglio regionale ha approvato a maggioranza la legge di stabilizzazione dei precari della Regione Puglia; a margine dei lavori, il presidente del Gruppo regionale Udc, Salvatore Negro, è intervenuto evidenziando l’importanza del lavoro del suo gruppo in merito alla conclusione soddisfacente dell’importante questione:

“Ancora una volta il senso di responsabilità dell’Udc ha consentito alla maggioranza di approvare un provvedimento importante come quello della stabilizzazione dei precari della Regione Puglia. Un atto doveroso verso tanti lavoratori che in questi anni hanno costituito l’impalcatura della struttura amministrativa regionale, anche se desta più di un sospetto il tempo in cui si è messa mano all’approvazione della legge. – Poi ha continuato – “È sotto gli occhi di tutti lo sbando che vive la maggioranza di centrosinistra che grazie al senso di responsabilità dell’Udc è riuscita a fare approvare il disegno di legge con il quale si è riconosciuto l’impegno e il merito di tanti giovani che in questi anni hanno prestato il proprio lavoro e la propria professionalità all’Ente”, ha sottolineato il capogruppo Udc. “In tal modo, si è tolto dalla precarietà tanti lavoratori a tempo determinato, offrendo agli stessi e alle loro famiglie la possibilità di un futuro maggiormente sereno. Tuttavia non possiamo che esprimere riserve sui modi e sui tempi con cui si è messo mano a questo disegno di legge, atteso che il provvedimento legislativo nazionale risale al dicembre del 2013. L’aver fatto coincidere l’approvazione con la fine della legislatura e con le primarie del centrosinistra desta più di qualche sospetto. In ogni caso – ha concluso il presidente Negro – come Gruppo Udc  esprimiamo soddisfazione per aver contribuito in maniera determinante, con la stessa responsabilità che ha guidato la nostra azione politica in questi cinque anni, a dare stabilità a tanti giovani nel cui esclusivo interesse siamo rimasti in aula e abbiamo votato a favore del provvedimento”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.