Tempo di lettura: 1 minuto
Chini
Giacomo Chini

Torre Annunziata (di Italo Aromolo) – Mister Giacomo Chini si presenta in sala stampa all’Alfredo Giraud subito dopo lo 0-0 contro i padroni di casa e non nasconde il suo rammarico: “Sono due punti persi, non uno guadagnato – esordisce così il vice-Lerda – Abbiamo giocato su un campo difficile e non è stato facile trovare spazi, abbiamo creato varie occasioni gol ma ci è mancata la cattiveria giusta sotto porta”.

Sull’espulsione di Salvi: “Non ho visto la dinamica in occasione del secondo cartellino rimediato per una presunta simulazione, ma ho visto i due graffi che il ragazzo aveva sulla pelle”.

Su capitan Miccoli e Moscardelli: “Fabrizio è uscito per scelta tecnica e non per infortunio; alla fine del primo tempo ha sentito un leggero fastidio al polpaccio e poi abbiamo deciso di inserire Moscardelli. La rifarei? Mah… Posso solo dire che Davide ce la sta mettendo tutta; gli manca qualcosa ancora, ma in allenamento lavora sempre al massimo e sicuramente ci darà una mano”.

Una battuta del tecnico che sostituisce Franco Lerda in panchina è rivolta alla sostituzione di Abruzzese: “Ha accusato un fastidio venerdì scorso, nel riscaldamento non stava benissimo ma è andato in campo lo stesso, poi abbiamo preferito non rischiarlo quando il fastidio è aumentato”.

Infine, Chini si lancia in un’analisi del momento: “Anche in 10 contro 11 abbiamo avuto noi il pallino del gioco in mano; loro non hanno avuto occasioni. Nessun allarme per le tre trasferte contro le tre matricole che abbiamo affrontato fino ad ora. Le partite sono tutte difficili, nessuno regala nulla e contro di noi fanno tutti la partita della vita; se avesse segnato Carrozza, di certo la gara sarebbe finita diversamente. Rispetto alle altre due trasferte, oggi abbiamo fatto meglio. La difesa è stata ottima; tutti stanno facendo progressi”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.