Tempo di lettura: 3 minuti
Wojtek Pankiewicz
Wojtek Pankiewicz

LECCE – Non si placano e difficilmente si placheranno le prese di posizione contro la TAP. Il Salento sta vivendo molto male la possibile realizzazione del Gasdotto che dovrebbe sbarcare sulle coste di San Foca.

“Valori e rinnovamento”, oggi, attraverso il “ruggito” del proprio Presidente Wojtek Pankiewicz, risponde a Renato Mannheimer, direttore scientifico di Ispo Ricerche,il quale ieri ha tenuto, insieme a Ernesto Somma di Tap Italia, un workshop su “Gasdotti e Turismo”, descrivendo appunto i probabili vantaggi dell’opera sull’economia locale:

“A Mannheimer correi dire che noi salentini non abbiamo l’anello al naso. Perciò non vengano a propinarci stupidaggini ammantandole di scientificità circa la presunta compatibilità di questo eco mostro con la vocazione turistica del territorio. – Afferma Pankiewicz, che poi continua  – Sciaguratamente si vorrebbe violentare la nostra stupenda costa, operare sbancamenti marini, distruggendo l’habitat naturale e la pesca, per installare il mega tubo che poi dovrà correre fino a Mesagne richiedendo pesanti sbancamenti lungo uliveti e siti archeologici, senza considerare l’effetto indotto di questa impattante struttura sulla percezione collettiva dei turisti inducendoli a recarsi in altri luoghi. Praticamente i tubi passerebbero sotto il sedere delle persone sdraiate sulla spiaggia. E se c’è un terremoto ? E se c’è un’esplosione ? Cose avvenute più di una volta in diverse parti del mondo   tra il serio e il faceto chiude l’appunto con  una battuta – Direbbe Totò : “ma mi faccia il piacere”.

Il Presidente ci tiene comunque a ringraziare coloro che lottano e si battono contro quello che definiscono Ecomostro: “Valori e Rinnovamento esprime profondo apprezzamento, invece, nei confronti di tutti coloro che si battono per evitare, come disse lo scrittore Erri De Luca, lo stupro della nostra meravigliosa costa. Tutte le iniziative contro questo eco mostro avranno il nostro appoggio. Ringraziamo, perciò, Beppe Grillo e il Movimento 5 Stelle per la bella ed efficace manifestazione di ieri. Esprimiamo plauso ed apprezzamento anche per l’iniziativa del consigliere regionale, Luigi Mazzei, che su Tap ha chiamato a raccolta tutti i sindaci del versante Adriatico, da Otranto a Brindisi – Poi punta il dito contro chi invece rimane in silenzio di fronte a questa problematicaMentre, continuiamo a registrare la sospetta latitanza su questa questione dei due principali partiti della Provincia di Lecce, il Partito Democratico e Forza Italia e mentre Renzi continua ad amoreggiare col dittatore dell’Azerbaijan, ignorando il mancato rispetto in quel Paese dei diritti umani e a portare avanti le sue visioni, le sue concezioni politiche ed economiche, che sono semplicemente anacronistiche e preistoriche, retroguardia della Prima Repubblica, quando i politici moderni più illuminati perseguono ormai modelli di sviluppo alternativi. Ricordiamo che Tap, non solo non è un’opera strategica (molti politicanti pronunciano questa parola senza conoscerne il significato), ma è un’opera inutile e dannosa.Conclude invitando tutti ad una civile reazione – Occorre una mobilitazione pubblica ancora maggiore. Ormai è enorme l’entità del danno ambientale procurato al Salento con altri precedenti scellerati interventi. Liberiamoci da questa assuefazione agli stupri. Il Salento non è terra di conquista. È ora di svegliarci e di reagire con sempre maggiore forza.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.