Tempo di lettura: 3 minuti

Salvi, leccezionale.itSQUINZANO (di Carmen Tommasi)- “Se non si riesce a vincere una partita è meglio, allora, non perderla”: la pensa proprio così Stefano Salvi che considera il pareggio del “suo” Lecce di sabato in casa del Matera un punto guadagnato, importante per il morale e per la classifica. L’ex Como e Sorrento è, però, con la testa già ben proiettata alla prossima gara di venerdì sera con la Reggina: “Per le difficoltà che abbiamo trovato e per il campo ostico non era facile fare un risultato bello largo, tipo un 3-0, col Matera. Un punto guadagnato o due persi contro i bianco-azzurri? Visto l’andamento della gara -spiega il centrocampista romano, classe ’87- il punto è stato sicuramente un risultato positivo, perché abbiamo mosso la classifica e per la seconda gara di fila non abbiamo subito reti”.

LA PARTITA – La gara allo stadio “XXI Settembre” è stata molto fisica e combattuta dal primo all’ultimo minuto: “Nei primi venti minuti il Matera è partito forte e noi facevamo fatica a prenderli, poi abbiamo cambiato tatticamente e abbiamo occupato meglio gli spazi in campo. Troppa sofferenza? Si, ma non ricordo, però, da quando abbiamo cambiato modulo parate importanti di Caglioni. L’importante, ripeto, è stato non aver preso gol, anche se siamo stati poco concreti in avanti e da quel punto di vista abbiamo avuto qualche problema. Non abbiamo tirato molto in porta, ma ci sono gli avversari, questo non bisogna dimenticarlo, e non è sempre facile. È anche vero che nemmeno tutte le partite possono finire 0-0; ci vuole un po’ di fortuna e dobbiamo aiutare i nostri attaccanti a trovarsi al meglio e a fare gol, anche perchè il loro valore è fuori da ogni dubbio”.

CENTROCAMPO A CINQUE – Nel corso del match il giocatore giallorosso, nato a Roma, è stato spostato a destra in un centrocampo a cinque per fare “spazio” a Mannini che si è spostato al centro: “La mezz’ala l’ho fatta anche in passato, con il 3-5-2 cambia l’atteggiamento tattico, ed è chiaro che man mano che giochiamo in questo modo crescerà anche l’intesa tra di noi. A centrocampo c’è della differenza tra lo giocare a due o a tre, da mezz’ala cambiano i movimenti. Anche perchè, si è più offensivi e il mister ci chiede di provare a far gol anche a noi centrocampisti. Su ogni sistema di gioco bisogna lavorarci, lo scorso anno abbiamo giocato con il blocco 4-2: il nostro modulo, al dì là se lo vogliamo chiamare 4-2-4, 4-4-2 o 4-2-3-1, ci ha portato molti punti e a 19 vittorie nella passata stagione e conosciamo quasi a memoria i movimenti. Il 3-5-2 è un sistema di gioco, però, che possiamo assorbire bene e stiamo lavorando proprio su questo in questi giorni”.

L’AVVERSARIO – La Reggina arriverà venerdì sera al “Via del Mare” per la quarta giornata di campionato: “Non ho avuto modo di vedere i calabresi giocare, ma a livello di nomi non la devo presentare di certo io come squadra. Giocano con il 4-3-3 e con gente importante; sono un’ottima formazione da prendere subito con il ritmo giusto. Quest’anno è un campionato difficile, danno tutti il massimo ed essendoci le retrocessioni, si lotterà sempre e comunque”.

IL GIRONE C – Sarà un girone tosto e combattuto fino alla fine della stagione: “Nessuna squadra con il punteggio pieno in classifica? Non esiste una formazione ammazza-campionato, questo lo si vede dalla classifica e dai risultati delle prime tre giornate. La differenza la farà la continuità e, quindi, quando non riesci a vincere va bene anche un pareggio che muove sempre la classifica. In più, quest’anno dobbiamo fare bene soprattutto in casa e il Via del Mare deve diventare il nostro punto di forza”, conclude fiducioso Salvi.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.