Tempo di lettura: 1 minuto

papa-francesco_h_partb“Dovrete dirvi: ‘io ti amo e per questo ti voglio più donna, più uomo’. Quello che vi attende è il cammino insieme di un uomo e di una donna in cui l’uomo ha il compito di aiutare la donna ad essere più donna e la donna il compito di aiutare l’uomo ad essere più uomo, nella reciprocità delle differenze”: questa la raccomandazione di Papa Francesco a 20 giovani coppie di fidanzati che ha unito in matrimonio in San Pietro. Il matrimonio, ha spiegato loro, “non è un cammino liscio, senza conflitti, no, non sarebbe umano. E’ simbolo della vita, della vita reale, non è una fiction, è un sacramento dell’amore di Cristo e della Chiesa, che trova nella Croce la sua verifica e la sua garanzia”.

E’ normale che gli sposi litighino -ha riconosciuto Francesco- è normale, sempre si fa. Ma vi consiglio -ha aggiunto ripetendo un suggerimento pratico già proposto in incontri con i giovani, ad esempio ad Assisi il 4 ottobre scorso di non finire mai la giornata senza fare la pace. E’ sufficiente un piccolo gesto, e così si continua a camminare“.

“L’amore di Gesù, che ha benedetto e consacrato l’unione degli sposi -ha spiegato- è in grado di mantenere il loro amore e di rinnovarlo quando umanamente si perde, si lacera, si esaurisce”, ha proseguito il Pontefice. “L’amore di Cristo -ha assicurato- può restituire agli sposi la gioia di camminare insieme”. Il rito celebrato da Francesco (lo stesso che aveva presieduto San Giovanni Paolo II in due occasioni: nel 1994 e nel 2000) è stato davvero emozionante, il Papa infatti ha raccolto il consenso di ciascuno dei 40 sposi, interrogandoli uno per volta.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.