Tempo di lettura: 2 minuti
Mannini
Daniele Mannini

LECCE (di M. Cassone) – Lucchese, Viareggio, Pisa, Brescia, Napoli, Sampdoria, Siena e ora il Lecce, sono tutte le squadre in cui Daniele Mannini ha giocato, eppure ha ancora 30 anni; arriva a Lecce nel massimo della sua maturità calcistica. L’esterno nato a Pisa nel 1983 ha giocato anche in Champions League. Oggi è stato presentato nella sua nuova realtà calcistica, all’interno della Sala Stampa “Sergio Vantaggiato” allo stadio “Via del Mare“:

“Mi piace il lavoro che faccio e quindi ho sempre gli stimoli giusti. Ho scelto Lecce perché mi ha colpito l’ambizione di questa società e di questa piazza che puntano a vincere il campionato – esordisce così l’ex Samp – A livello qualitativo, questa è una rosa di categoria superiore e ci sarà bisogno di tutti per ottenere l’obiettivo. L’esperienza dei compagni più maturi è fondamentale in tal senso. È risaputo che ci vuole impegno e dedizione, non bastano i nomi per raggiungere i risultati sperati. Fisicamente sto bene, ma analizzo il dato oggettivo: mi sono allenato seriamente sia da solo, che nel ritiro dei disoccupati facendo il corso ‘Uefa B’, ma allenarsi tutti i giorni con la squadra è cosa diversa; lavorerò sodo ed i risultati si vedranno in campo” Poi chiosa sul suo ruolo e la sua duttilità: “A Siena la mia versatilità era una caratteristica negativa perché potevo fare tutto ma alla fine giocai ben poco; ora sono arrivato qui, l’ambiente mi apprezza e la mia duttilità è un valore aggiunto. Io gioco bene sugli esterni, sia destro, che sinistro. Sono un destro naturale ma non ho problemi a ricoprire l’altro ruolo. Se posso fare Il terzino destro? Queste sono cose che decide il mister, io sono a sua disposizione. La maggior rivale per la promozione? Vedremo strada facendo, ora è presto ancora, siamo consapevoli però che, ovunque, vorranno farci lo sgambetto”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.