Tempo di lettura: 2 minuti
Lerda
Franco Lerda

SQUINZANO (di Massimiliano Cassone) – Archiviata la vittoria con il Barletta, il Lecce è sceso già in campo per preparare la prossima sfida contro il Matera che si giocherà nella città dei “sassi” sabato prossimo.

Hanno lavorato in differenziato quattro calciatori: Diniz, Vinetot, D’Ambrosio e Bogliacino.

Alla presenza di una cinquantina di tifosi, i giallorossi hanno svolto inizialmente degli esercizi atletici di riscaldamento: corsetta a bordo campo, ripetute e allunghi per migliorare l’efficienza muscolare della corsa.

Subito dopo è entrato in “gioco” il pallone; tanto pallone oggi per Franco Lerda che ha estratto dal cilindro la nuova idea tattica. Dopo il 4-2-3-1 e il 4-4-2 (4-2-4), ecco il 3-5-2, per permettere l’inserimento di Filipe Gomes che dovrebbe essere (da quanto visto oggi) il metronomo della squadra.

In un primo momento, il mister, ha diviso la squadra in due gruppi, il primo lo ha schierato così: Chironi; linea a tre formata da Martinez, Abruzzese e Carini, centrocampo a 5 con Doumbia largo a destra, Lopez a sinistra, Salvi e Papini angeli custodi di Filipe Gomes regista; in attacco Della Rocca e Carrozza.

A questi uomini il mister di Fossano ha incominciato a impartite le sue direttive, invitando i difensori ad impostare il gioco servendo Filipe Gomes a cui ha chiesto di iniziare a smistare ai lati, ordinando poi agli esterni larghi di tentare l’inserimento tra le linee, e allo stesso brasiliano di distribuire il gioco agli attaccanti;  giocate veloci e azioni offensive che terminano sempre con un attacco a 4 uomini con Lopez e Doumbia pronti ad offendere insieme alle punte.

L’altro gruppo ha continuato il lavoro aerobico e subito dopo ha dato il cambio al primo schieramento: Chironi in porta, Carini, Donida e Sacilotto sulla linea difensiva con Rullo, Filipe Gomes, Lepore, Mannini, Rosafio sulla linea di centrocampo con Miccoli e Moscardelli in attacco. Stesso lavoro di prima sempre su Filipe Gomes a catalizzare l’azione di gioco.

Al termine di queste esercitazioni tattiche molto interessanti, c’è stata la classica partitella in famiglia con il primo gruppo che ha sfidato il secondo con l’aggiunta di due ragazzi della Berretti e di Petrachi in porta. Caglioni ha lavorato sempre con Vergallo.

Stretching finale e poi tutti sotto la doccia, domani sarà giornata di doppia: dalle ore 9.30 la mattina e dalle 17.30 il pomeriggio al Comunale di Squinzano.

Tramonta il sole sul primo allenamento settimanale del Lecce che è pronto a vestirsi con l’abito nuovo, è pronto ad adottare una veste tattica inedita, esperimento tentato qualche volta nella scorsa stagione, anche se quest’anno gli interpreti sembrano più appropriati per quest’idea di gioco. È utile non fossilizzarsi soltanto su un modulo, è giusto non diventare mai banali e scontati per gli avversari.

 

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.