Tempo di lettura: 2 minuti

Miccoli-Bogliacino pro ImbrianiLECCE (di Pierpaolo Sergio) – Anche i calciatori dell’U.S. Lecce, Fabrizio Miccoli e Mariano Bogliacino hanno dato il proprio sostegno all’associazione “Imbriani non mollare” (www.imbrianinonmollare.it), che ha lo scopo di diffondere i valori della lealtà sportiva e della lotta al razzismo, che hanno contraddistinto la figura del compianto Carmelo Imbriani, strappato alla vita ed all’affetto dei suoi cari dal morbo di Hodgkin all’età di soli 37 anni.

I due calciatori giallorossi hanno infatti posato oggi con in mano la maglietta che reca il logo della stessa associazione e l’autografo dell’atleta. L’immagine della sua esultanza, divenuta il simbolo di valori quali la lealtà sportiva e l’antirazzismo farà da testimone in eventi, attività benefiche e incontri nelle scuole.

Un modo tangibile per dimostrare vicinanza e sostegno alla campagna di sensibilizzazione portata avanti in tutta Italia. Sul sito imbrianinonmollare.it esiste, inoltre, una sezione in cui sono riportati tutti gli striscioni affissi negli stadio italiani dai tifosi che hanno voluto ricordare la figura del calciatore, come pure i tweet di personaggi famosi del mondo del pallone, i video ripresi in occasioni conviviali e sportive ufficiali, nonché una mappa che mostra non solo calciatori ma anche tifosi che, da Nord a Sud, nel periodo della malattia di Carmelo,si sono uniti sotto un unico striscione: “Imbriani non mollare”.Imbriani non mollare logo

si sono uniti sotto un unico striscione “Imbriani non mollare” – See more at: http://www.imbrianinonmollare.it/in-campo-per-carmelo/#sthash.fk3uzclL.dpuf

Si tratta dello sfortunato ex calciatore, tra le altre, di Napoli, Catanzaro, Benevento ed anche Casarano, scomparso lo scorso 15 febbraio del 2013 ed in memoria del quale il fratello, insieme ad alcuni amici, parenti e tifosi hanno creato l’associazione no profit che porta il suo nome e che si prefigge di promuovere quei valori che hanno preso vita sul campo da calcio prima e nel mondo poi. Lo sforzo che si sta portando avanti, non senza difficoltà e sacrifici, vuol condividere e radicare nella società l’idea di un calcio “perbene”.

In memoria di Carmelo Imbriani è stato intitolato l’Antistadio di Benevento, società della quale era stato anche allenatore, lasciando il proprio posto in panchina durante il ritiro precampionato estivo dei sanniti per il sopraggiungere della malattia.

Carmelo Imbriani in carriera ha totalizzato complessivamente 32 presenze e 3 reti in Serie A e 70 presenze ed una rete in Serie B.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.