Tempo di lettura: 3 minuti

spezia-lecceLECCE (di Italo Aromolo) – Non esisteva l’aeroplano, le lampadine andavano a gas e il “Mondiale” era solo un aggettivo quando Lecce e Spezia si sfidavano per la prima volta su un campo da calcio, il 31 ottobre del 1930. L’Unione Sportiva Lecce era stata appena fondata e la formazione salentina, guidata dall’allenatore-giocatore ungherese Ferench Plemich, si avventurava in una lontanissima trasferta nel profondo Nord, nel suo primo campionato di Serie B. Niente da fare per i giallorossi, il risultato fu spietato: 3-0 in favore degli spezzini.

Oggi, nel secondo turno di Tim Cup, le due squadre si ritroveranno ad 84 anni di distanza da quel primo confronto: Spezia-Lecce andrà in scena allo stadio “Picco” per la settima volta nella storia. Il bilancio dei 6 precedenti, disputati tutti nel campionato di Serie B, è in perfetta parità, con 2 vittorie per parte, 2 pareggi e 6 gol realizzati per entrambe le compagini.

precedenti Spezia-LecceI primi tre precedenti sono condensati negli anni ’30: oltre a quello sopra citato, infatti, si registrano altri due confronti nei campionati immediatamente a venire. Nella stagione 1930/’31, il Lecce di mister Pietro Piselli espugnò per la prima volta il campo di La Spezia grazie ai gol di Danilo Sbrana e Giorgio Pitacco (risultato finale: 0-2). L’anno seguente, si ripetette lo stesso punteggio con esito alterno: un secco 2-0 in favore dello Spezia condannò i giallorossi, che a fine campionato sarebbero retrocessi in terza serie.

Dopo quella retrocessione, il Lecce sarebbe tornato in Cadetteria solo dopo quindici anni, alla fine degli anni ’40: e proprio a questo periodo risale il quarto precedente tra le due squadre, che nel campionato 1948/’49 (anch’esso terminato con la retrocessione del sodalizio salentino) si annullarono con un 1-1 firmato da Mangini (per lo Spezia) e da Franco Cardinali (per il Lecce), secondo goleador più prolifico della storia dell’U.S. Lecce (con 66 gol) alle spalle di Anselmo Bislenghi (a quota 87).

Nella seconda metà del ‘900, mentre il Lecce giostrava tra le tre principali serie nazionali, lo Spezia viveva un lungo periodo di “esilio” in Serie C (oltre 40 anni di fila): capitava che quando anche i giallorossi erano in Serie C, le due squadre venivano dislocate in gironi diversi per evidenti motivi geografici. Così, dopo quel confronto del ’49, Lecce e Spezia non si sarebbero incontrate per più di mezzo secolo, fino alla promozione in Serie B del club ligure, datata stagione 2005/’06.

Zeman_Zdenek_LecceNel campionato di Serie B 2006/’07, il Lecce di Zdenek Zeman – che tre giorni dopo sarebbe stato esonerato a seguito del kappaò interno contro il Vicenza  vinse a domicilio per 2-0 grazie ai gol di Giuseppe Caccavallo e Pablo Daniel Osvaldo. Riguardo alla marcatura dell’attaccante napoletano, si narra l’aneddoto che, prima del fischio d’inizio, un fotografo leccese gli avesse consegnato una monetina, raccomandandosi: “Mettila nel parastinco destro e segnerai proprio con quel piede“. Ebbene, quel giorno un giovanissimo Caccavallo segnò col piede destro il suo primo gol tra i professionisti.

Nella stagione seguente, che vide il Lecce di mister Giuseppe Papadopulo approdare in Serie A, il remake terminò in parità: l’1-1 scaturì da un botta e risposta nei minuti finali tra l’attaccante bianconero Isah Eliakwu e il centrocampista giallorosso Jaime El PajaritoValdes. La particolarità di quella gara è che ebbe luogo in data 15 marzo 2008, esattamente nel giorno del centesimo compleanno del club salentino.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.