Tempo di lettura: 5 minuti
IMG_0056
Kalombo e Moscardelli

LA SPEZIA – Un gol a pochi minuti dalla fine estromette il Lecce dalla Coppa Italia. Allo stadio Alberto Picco” di La Spezia, i padroni di casa  affrontavano il Lecce nell’incontro valido per il secondo turno della Tim Cup 2014-’15 ed hanno vinto per 1-0 con rete del difensore ligure Da Col all’84’ di gioco.

Gli Aquilotti bianconeri sono scesi in campo col 4-4-2 che oramai è il marchio di fabbrica di mister Bjelica: Nocchi tra i pali, De Col, Migliore, capitan Ceccarelli e Datkovic in difesa, con Juande e Sammarco centrali di centrocampo con Culina e Schiattarella sulle fasce, in attacco Catellani ed Ebagua.

Il Lecce, che perdeva Papini in fase di riscaldamento pre-gara, rispondeva specularmente con: Bleve tra i pali, Donida a destra e W. Lopez a sinistra con Abruzzese (oggi capitano) e Sacilotto centrali, in mezzo al campo Amodio e Salvi con Doumbia e Rosafio esterni a supporto di Moscardelli e Della Rocca quali terminali offensivi.

Le due squadre hanno dato vita ad una bella partita in cui i liguri allenati da Nenad Bjelica senza ombra di dubbio si sono resi più pericolosi dei salentini che però han tenuto molto bene il campo, azzerando il gap di categoria. Nota lieta per Franco Lerda è un grande Marco Bleve. L’asse di sinistra Lopez-Doumbia è sempre pericoloso e Moscardelli gioca una buona partita.

PRIMO TEMPO – I primi tredici minuti sono di marca bianconera: passano appena 59 secondi ed i padroni di casa si rendono pericolosi con Ebagua che raccoglie un rinvio di Bleve, su retropassaggio di Amodio, e dai 25 metri prova un eurogol cercando il tiro a sorpresa di sinistro ma la sfera sfiora il palo e termina fuori. Al 7°, lo Spezia è ancora pericoloso con Culina ma il suo tiro è rimpallato in corner.

I giallorossi emettono il primo acuto al 15° ma il colpo di testa di Della Rocca su cross di W. Lopez termina sul fondo. Due minuti dopo è ancora Lecce, questa volta con Moscardelli che prova in rovesciata dopo una prima conclusione di testa di Della Rocca ma la palla termina fuori. Al 23° ci prova sempre Moscardelli con una bomba dal limite ma Nocchi si salva.

Poi è di nuovo Spezia con Ebagua che disegna col compasso un assist per Catellani ma Bleve con scatto felino agguanta la palla e sventa la minaccia. Al 28° è Sacilotto ad evitare il peggio per la propria squadra, con il corpo devia una rovesciata di Ebagua.

È una bella partita con continui capovolgimenti di fronte. Alla mezz’ora potrebbe passare il Lecce; Moscardelli su punizione impegna severamente il portiere avversario che si salva dimostrandosi attento su un’occasione non facile.

Al 31° Bleve, in grandissima forma, si tuffa e sventa un tentativo di tap-in del solito Ebagua. Il giovane portiere leccese si ripete al 33° ed al 36° su Catellani, ma è un Bleve “para–tutto”.

Il primo tempo termina quindi senza recupero.

SECONDO TEMPO – Giacomo Chini, che sostituiva in panchina Franco Lerda squalificato, manda in campo ad inizio secondo tempo l’ex dell’incontro, Carrozza al posto del giovane Rosafio. Nessun cambio tra i bianconeri.

Parte forte il Lecce ma i padroni di casa si difendono bene e su una ripartenza potrebbero passare in vantaggio; al 49° De Col serve col goniometro Catellani che di destro esalta super-Bleve che gli nega ancora la gioia del gol. Poi lo Spezia prende in mano le redini del gioco così com’era accaduto nel primo tempo con Catellani scatenato che, però, sbaglia sempre di fronte all’estremo difensore giallorosso. I ragazzi di Bjelica si innervosiscono ed in tre minuti guadagnano due cartellini gialli: il primo è al 56° per Ceccarelli dopo un fallo su Doumbia, il secondo al 59° se lo merita Datkovic per una bruttissima entrata su Moscardelli.

La partita è viva e gli ospiti tengono bene il campo, provando dal limite con Moscardelli a passare in vantaggio al 61° ma il suo fendente si spegne a lato. Lo Spezia, ad ogni modo, spara con la mitraglietta verso Bleve che dice sempre e comunque di no: al 64° a Culina e al 65° a Catellani.

Break del Lecce con l’ex Carrozza che al 70° ci prova da fuori ma la sua sassata sfiora la traversa e termina fuori.

Entrambe le formazioni potrebbero passare in vantaggio da un momento all’altro, la differenza di categoria non si nota affatto, e calcolando che la squadra ligure ha giocato i play-off per al Serie A, è un ottimo atteggiamento quello dei salentini. Al minuto 83° Chini manda in campo Bogliacino al posto di Moscardelli. Sicuramente, l’ex Bologna è stato tra i migliori in campo.

Tre minuti dopo, ecco che i padroni di casa vanno in vantaggio con De Col che, di destro, prima elude la copertura di Della Rocca e poi insacca alle spalle di Bleve in diagonale su una punizione calciata da Schiattarella. Vantaggio che si può considerare meritato e pochi minuti a disposizione dei giallorossi per recuperare.

A due minuti dal termine dei tempi regolamentari Bakic entra al posto di Juande per lo Spezia e Cicerello per Amodio nel Lecce. La partita termina dopo tre minuti di recupero col Lecce che cade in Liguria e abbandona la Tim Cup.

TABELLINO

SPEZIA – LECCE 1-0

Spezia (4-4-2): Nocchi, De Col, Ceccarelli (cap), Sammarco, Juande (88°Bakic), Catellani, Culina, Migliore, Datkovic, Ebagua (66° Ardemagni), Schiattarella. A disp.: Bazzuchi, Bedei, Acampora, Ceccaroni, Ardemagni, Ciurria, Cisotti, Valentini, Bastoni, Bakic. Allenatore: Nenad Bjelica

Lecce (4-4-2): Bleve, Donida, Sacilotto, Abruzzese (cap), W.Lopez; Rosafio (46°Carrozza), Amodio (88° Cicerello), Salvi, Doumbia; Moscardelli (83° Bogliacino), Della Rocca. A disp.: Chironi, Brunetti, Kalombo, Morello, Cicerello, Bogliacino, Carrozza, Persano. Allenatore: Giacomo Chini (Lerda squalificato).

Arbitro: Sig. Gavillucci della sez. di Latina

Marcatori: 86° De Col (S)

Ammoniti: 56° Ceccarelli (S), 59° Datkovic (S), 67° Juande (S), 75° Sacilotto (L), 90° Bogliacino (L).

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.