Tempo di lettura: 3 minuti

mondiale WMFLECCE – “E’ l’anno più bello della mia carriera”. Fabio Siciliani non sta più nella pelle ed esprime così tutta la sua gioia dopo il quinto titolo mondiale di Muay Thai conquistato nella sua lunga carriera agonistica. A Rosolini, in Sicilia, il pluricampione leccese ha battuto nettamente il contendente portoghese Dan Balsemao. Il match era valido per il mondiale WMF-PRO. L’avversario ha iniziato a testa bassa con una serie di pugni, ma Siciliani non è fatto sorprendere dall’avvio temerario del portoghese rispondendo con diversi calci bassi. Prima ripresa piuttosto equilibrata e match che si mantiene interessante e di alto profilo. Nel secondo round, però, i colpi diventano più duri e intensi. L’atleta leccese rompe gli indugi e attacca con maggiore decisione riuscendo ad infilare una serie di gomitate e ginocchiate nel corpo a corpo con l’avversario portoghese che finisce anche a terra dopo una bella “proiezione”. Fatale, tuttavia, per Dan è stata una ginocchiata alta che va a bersaglio sul sopracciglio. Risultato? Dieci punti di sutura e match finito per ko tecnico.

“E’ il momento migliore della mia carriera – ha sottolineato Fabio Siciliani Nel giro di un anno ho disputato otto match vincendoli tutti, di cui 3 per ko. Prima mi è stata data l’occasione di combattere per il mondiale Iska che sono riuscito a vincere poi di combattere nel prestigioso Thaiboxemania dove ho vinto per ko al primo round, quindi ho gareggiato in Thailandia con la maglia della Nazionale portando a casa quattro successi in altrettanti match e conquistando così la medaglia d’oro. Avvincente e molto gratificante, inoltre, è stata l’esperienza dell’Oktagon di Milano dove sono riuscito a battere, con verdetto unanime, la star thailandese Prakaysaeng, 180 match, 2 volte campione di Thailandia. E ora l’ennesima soddisfazione con il titolo WMF-PRO a Rosolini per ko alla seconda ripresa. Insomma, è l’anno più bello di sempre. Ringrazio tutti per l’incoraggiamento e la vicinanza, a cominciare dai ragazzi di Oltrecorpo. Siamo una famiglia, una grande famiglia, al di là di ogni considerazione tecnica. Ringrazio l’organizzazione nella persona di Bruno Botindari e Liliana Voicu per l’opportunità concessami di disputare per la prima volta in Italia il titolo WMF-PRO alla presenza del presidente europeo Gabrielle Murge e del presidente Carlo Di Blasi. Mi piace ricordare la vittoria di Carlo Pappadá che con uno spirito di abnegazione fuori dal comune è riuscito a vincere il titolo Italiano Fight1 Pro nella categoria 57 kg. nonostante i copiosi tagli sul viso. Ringrazio soprattutto mia moglie e le mie figlie, fondamentali in questo percorso di crescita umana e professionale”. mondiale WMF -1

A Fabio Siciliani sono giunti i complimenti del sindaco di Lecce, Paolo Perrone: “Difficile trovare le parole per testimoniare la bravura, l’abnegazione, la grinta e la determinazione di questo ragazzo, alfiere della nostra città in Italia e nel mondo. Auguro a Fabio di continuare a regalarci altre grandi soddisfazioni”.

Undici i match in programma nell’evento Evolution Fight svoltosi a Rosolini. Da segnalare la bella prestazione del leccese Guglielmo Carata che ha disputato un grande match contro Amhed Said vincendo meritatamente le selezioni per Oktagon nei 70 kg. Andrea Palazzetti ha perso invece per ko tecnico il suo match valido per il titolo italiano Pro Fight 1 Muay Thai, categoria 63,500 contro un fortissimo Peppe La Vecchia. Infine splendida affermazione per il leccese Carlo Pappadà (Oltrecorpo) che è riuscito a laurearsi campione italiano Fight 1 Muay Thai nella categoria 57 kg.

La serata è stata ripresa dalle telecamere di Rai Sport.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.