Tempo di lettura: 2 minuti

negramaro_news_6-marzo_0LECCE – Il ritorno a casa, si sa, è sempre un’emozione unica. Il sole, il mare, gli odori e i colori di una terra tanto amata e il delirio, gli appluasi, della tua gente. È stato proprio così per i Negramaro, perché quella di ieri, dalle 21:15 e per più di tre ore, è stata la notte di Giuliano, Lele, Andrea, Danilo, Ermanno e Pupillo che hanno letteralmente infiammato il “Via del Mare”.

Venticinquemila i presenti, tutti per loro, per la chiusura del tour della band salentina, ultima tappa Lecce. Data non a caso. “Here we are”: urla Giuliano per dare l’inizio ad una notte magica, quella più  importante, forse, della stagione estiva leccese. Il pubblico è caldo, carico, canta senza mai fermarsi i più dei 20 brani in scaletta: in tribuna, come in Curva, si balla ed è tutto “Meraviglioso”. Poi si passa alle note di “Ti è mai successo” e con “La giostra” Sangiorgi collabora con il pubblico, provoca le curve e “lu Salentu ca gira”. Si ritorna, poi, ancora al passato con “Nuvole e lenzuola”, la canzone simbolo di una carriera che iniziava ad essere importante proprio con quel brano.

Si abbassano i ritmi con “Meraviglioso” e l’omaggio al grande Domenico Modugno: “Nella sua Puglia la cantiamo più forte”, dice Sangiorgi. “Londra brucia” e il calore dei fan raggiunge l’apoteosi. “Via le mani dagli occhi” ed ecco l’applaudissimo arrivo, a sorpresa, dei Sud Sound System con un’”improvvisata”, ma fantastica, “Sciamu a ballare… Al Via del Mare” ed è delirio. Bello anche il momento dell’arrivo sul palco dei Tiromancino. Applaudittissimi.

Giuliano ringrazia proprio tutti, il Comune di Lecce (come è giusto che sia), ma dimentica di farlo con la famiglia Tesoro che ha permesso e ha dato l’assenso per l’organizzazione della serata su un manto erboso già “sofferente” e che ora è tutto da “reinventare”.  Ed ecco “Un amore così grande 2014”, inno della Nazionale azzurra agli ultimi Mondiali, e poi un arrivederci a tutti i presenti.

Un ritorno a casa che, forse, più bello non poteva essere, perchè le origini non si dimenticano. C’era anche una soddisfatta Belen Rodriguez e la nonna di Sangiorgi a cantare orgogliosa i brani del nipote, e lui la saluta, come abbraccia emozionato chi è lassù, il padre. “C’est la vie”:  avrà pensato, emozionato, in quel momento, il caro Giuliano.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.