Tempo di lettura: 1 minuto

esL’estate è la stagione in cui vanno a nozze le malattie gastroenterologiche. Almeno in Italia, dove è stato dimostrato un peggioramento nelle stagioni calde per le malattie infiammatorie croniche intestinali, soprattutto per il Morbo di Crohn.

Con l’inizio della bella stagione peggiorano anche i pazienti in Cina, Spagna e Slovacchia, in autunno e primavera in Grecia, in autunno e inverno in Gran Bretagna. Almeno questo è quanto emersi dal primo Congresso della Società Italiana di GastroReumatologia, in corso oggi a Roma. Sebbene non si sia ancora arrivati a conclusioni definitive, da studi osservazionali risulterebbe che alcune di queste patologie presentino riacutizzazioni in particolari momenti dell’anno e a seconda dell’area geografica.

L’ipotesi più accreditata è che i picchi di riacutizzazione siano correlati alla maggiore incidenza di infezioni intestinali frequenti in estate”, ha spiegato Vincenzo Bruzzese, presidente della Sigr, ma il sole ha anche un effetto protettivo, determinando la produzione cutanea della vitamina D. Questa ha un ruolo nel prevenire l’insorgenza dell’artrite reumatoide e di altre malattie autoimmuni.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.