Tempo di lettura: 1 minuto

Prandelli webCesare Prandelli subito dopo l’allenamento si è presentato in sala stampa. È apparso un po’ nervoso, forse perché sente la gara in maniera particolare, e non vuole sentire parlare di calcoli, è cosciente di avere due risultati a disposizione ma vuole vincere: “Non ci penso al pareggio, vogliamo vincere e basta. Inutile dire che è la partita più importante della mia carriera. Sulla formazione non mi voglio sbilanciare, saprete tutto all’ultimo, vogliamo tenere tutti sulla corda, penso che farà così pure l’Uruguay”.

Il tecnico di Orzinuovi risponde a tutte le domande in modo conciso:

La partita – “È una vigilia difficile e particolare perché è una gara dentro-fuori; però dobbiamo dire che nel momento dei sorteggi tutti firmato per giocarci la qualificazione all’ultima partita. È una vigilia che non posso paragonare a nessun altra: questa è la gara più importante della mia carriera”.

Cavani e Suarez – “È una coppia tra le più forti del mondiale. Sono due attaccanti moderni che attaccano l’area come pochi. Dobbiamo essere bravi a dare loro poche opportunità”.

Condizione e clima – “Stiamo bene, i dati sono molto buoni, sono ufficiali e si possono leggere sul sito Fifa. Siamo pronti abbiamo recuperato sia mentalmente che fisicamente. Dobbiamo superare tutte le difficoltà, anche ambientali, e dare tutto quello che possiamo dare”.

Elogi per Immobile – “È un attaccante moderno, che sa attaccare la profondità. In area ha senso del gol e aiuta la squadra. Oggi per essere un grande campione devi avere queste caratteristiche, altrimenti non sei un giocatore completo”.

Infine stuzzicato sul probabile impiego dei due attaccanti e quindi Balotelli e Immobile, il ct azzurro ha chiosato: “Possono giocare insieme, non ho mai detto il contrario, però se giochiamo con due attaccanti bisogna modificare qualcosa”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.