Tempo di lettura: 2 minuti

evacuo 1Felice Evacuo, attaccante ormai ex Benevento, da “radio mercato” è stato accostato al Lecce negli ultimi giorni; ieri il bomber ha rilasciato delle dichiarazioni importanti ai microfoni di TuttoSalernitana.com, spiegando che la scorsa settimana il suo procuratore è stato contattato dalla società del Presidente Lotito. Ecco l’intervista completa:

Evacuo, ogni anno il suo nome è accostato alla Salernitana. Cosa c’è di vero?

“Posso dire che la scorsa settimana la società ha chiamato il mio procuratore ed ha dimostrato un certo interesse, ma è ancora troppo presto per parlare di trattativa. Non ho dato alcun tipo di scadenza, l’unica cosa che mi preme è svolgere il ritiro sin dal primo giorno soprattutto per le mie caratteristiche fisiche. Questa settimana gli operatori di mercato sono a Milano per parlare delle comproprietà, chissà che non sia l’occasione giusta per approfondire il discorso con la Salernitana. Per me sarebbe una prima scelta”.

Si è parlato di un ostacolo relativo all’ingaggio, cosa ci può dire in merito?

“La prima cosa che mi interessa è il progetto: voglio lottare per vincere e per togliermi ancora delle soddisfazioni, a Salerno ci sono tutti i presupposti. Non essendoci una trattativa non abbiamo parlato di soldi, ma non è la priorità: è chiaro che bisognerà capire, eventualmente, la base di partenza della società granata, ma questo discorso è assolutamente prematuro”.

Lei conosce benissimo le potenzialità della piazza. Quanto può incidere il fattore tifo a Salerno?

“In campo vanno i calciatori ed è fondamentale avere una squadra forte, ma l’Arechi è davvero il dodicesimo uomo, è capace di darti una spinta che in alcuni momenti può risultare determinante. Se la società allestirà un organico competitivo, credo che l’apporto del pubblico di Salerno farà la differenza, a maggior ragione in un girone di fuoco come quello del Sud. La mia esperienza mi porta a dire che quelle sul fattore tifo non sono mai frasi fatte: talvolta una squadra debole riesce a vincere in casa proprio grazie al calore della gente”.

Lei ha parlato di gironi. Che Lega Pro si aspetta?

“Si torna un po’ all’antico, ne vincerà solo una e per chi ha ambizioni d’alta classifica sarà necessario avere una rosa con undici titolari forti, ma anche con delle validissime alternative in tutti i reparti. Il bomber da 20 gol non sarà sufficiente se difesa e centrocampo non faranno il loro dovere, serve il mix giusto tra gente esperta e calciatori giovani, ma di grande personalità. Sarà una specie di B2, ci sono tante piazze calorose e blasonate e Salerno può sicuramente essere una delle favorite al salto di categoria. Con me in attacco? Lo spero!”.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.