Tempo di lettura: 2 minuti

10437296_10202762972367931_766147154_nFROSINONE (di Carmen Tommasi) – Un sogno infranto, una serie B mancata, un urlo finale di rabbia, delusione e disperazione. Lacrime soffocate da alcuni ed esplose fragorose da parte di altri. Da una parte, il cielo si tinge di giallo e di azzurro, Frosinone è in festa: negli spogliatoi del “Matusa” si festeggia, il tecnico Stellone è raggiante, Paganini e compagni stappano champagne a volontà con il sorriso stampato in faccia di chi è appena sbarcato in paradiso.

Dall’altra parte, musi lunghi, occhi lucidi, poca voglia di parlare e solo parole strozzate dall’amarezza: il patron Savino Tesoro a fine match ha il volto scuro, il tecnico Franco Lerda è provato, il figlio e diesse Antonio cammina su e giù senza trovare pace e la vice presidentessa Giulia scoppia in lacrime abbracciata con tenerezza dalla sorella Francesca. Lady Maria Tesoro, invece, è stanca di soffrire, scoppia in lacrime anche lei e stringe le figlie, amareggiata come tutti i veri tifosi leccesi.

I giocatori cammino lentamente nell’area-spogliatoi, hanno il volto deluso (nessuno escluso) di chi ci ha creduto fino alla fine ed ha lottato con quanto aveva in corpo, dando tutto e anche di più. Perché, come dice lo stesso Franco Lerda: “Il cuore non ragiona, per quello c’è la testa, ma ti permette di andare oltre”. Eh  già, la testa: quella che ha perso il Lecce in alcuni tratti della partita e quella che hanno perso un po’ tutti a fine match: con il tecnico giallorosso protagonista dell’accesa lite iniziata per la pallonata gratuita “regalata” al volto di Ferreira Pinto nelle ultime battute finali e la successiva provocazione all’ex Toro dei tifosi ciociari tutti in campo a festeggiare (con l’inammissibile invasione di campo arrivata già molto prima del fischio finale di Ros di Pordenone). Sono volate parole grosse e anche qualcosa in più. L’atto finale di una brutta giornata da dimenticare per il Lecce, per la B mancata, con la squadra che adesso si lecca le ferite, fa la conta dei lividi.

In terra ciociara si festeggia ancora e lo si farà per giorni. Questo è il calcio: c’è chi vince e c’è chi perde. C’è chi passa la notte a brindare e chi la trascorre insonne. Per quel sogno violentemente spezzato da quel gol di Frara al 10’ del secondo tempo supplementare, visto che quello di Viola è stato solo la ciliegina sulla torta solo per il giocatore frusinate. La delusione è tanta ma, forse, qualcuno dirà: “Grazie ragazzi: è stato bello lo stesso”. Magari no, ma vogliamo pensare, anche per un solo istante, che possa essere così…

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.