Tempo di lettura: 1 minuto

Accademia dei SerenatiGALLIPOLI – Terzo appuntamento per la quinta edizione del Festival Internazionale Itinerante “La voce degli Angeli” organizzato dalla “Accademia dei Serenati”, dal Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce e dalla FIDAPA di Casarano, con il patrocinio della Provincia di Lecce e la direzione artistica Lucia Rizzello.

Si terrà nel Teatro Garibaldi di Gallipoli, oggi pomeriggio, alle ore 18:30 grazie al contributo del Comune, della FIDAPA e dei Lions di Gallipoli e vedrà sulla scena, in apertura di serata, Maria Primiceri, docente di pianoforte al Conservatorio Tito Schipa. Ci farà scoprire il talento e lo spirito di due straordinarie musiciste, Clara Wieck Schumann e Fanny Mendelssohn Hensel le più note  compositrici romantiche: donne molto complesse, raffinate e semplici allo stesso tempo che ebbero il coraggio di affrontare i pregiudizi della società ottocentesca, radicati proprio all’interno della loro famiglia. La conferenza si articolerà intorno alle grandi doti compositive delle due donne e l’influenza dei loro più celebri parenti.

TrioA seguire, il concerto del Trio Classico di Milano che presenterà il Trio in Sol minore op. 17 di Clara Wieck Schumann e il Trio in Re minore op. 11 di Fanny Mendelssohn Hensel. Il Trio è formato da affermati professionisti, attivi in ambito nazionale e internazionale: al violino Massimo De Biasio, al violoncello Ina Schlueter e al pianoforte Keiko Hitomi Tomizawa.

Oltre al repertorio classico e romantico dei grandi autori come Mozart, Beethoven, Brahms, Schubert, per citarne solo alcuni, il Trio si occupa particolarmente della ricerca e divulgazione di compositori e compositrici meno noti che meritano uguale considerazione quali Clara Schumann, Fanny Mendelsshon, Anton Stepanovich Arensky, Marco Enrico Bossi, Johann Nepomuk Hummel, Ignaz Moshceless e molti altri.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.