Tempo di lettura: 2 minuti

MartinezSQUINZANO (di Carmen Tommasi) – Concreto, sicuro e senza troppi fronzoli in campo, ma anche con le parole. Gilberto Martinez è fatto così e, a chi gli chiede il perché di tanta sofferenza nella partita dei quarti di finale di domenica contro il pimpante Pontedera, “El Tuma” risponde senza mezzi termini: “In campo c’era anche l’avversario -spiega il 34enne difensore centrale costaricano, 22 presenze in campionato- e la cosa veramente importante era passare il turno e ci siamo riusciti, ma allo stesso tempo dobbiamo essere tranquilli e sereni, perché ancora non abbiamo fatto nulla. Abbiamo passato solo un ostacolo e ce ne sono altri quattro, bisogna essere freddi e dare ancora di più. Cosa ho pensato prima di calciare il rigore? Quello di domenica è stato il primo della mia carriera e ho detto tutto (sorride, ndr)”.

ESASPERATA SOFFERENZA – Quelli contro i toscani sono stati sicuramente 120’ vietati ai deboli di cuore, culminati poi con i rigori: “Il perché di tanta sofferenza? Il calcio è anche questo e che piaccia o no, quello che conta è il risultato. Perchè alla fine anche se fai una bellissima partita e poi perdi, non ti resta niente. Demerito del Lecce o merito del Pontedera? Dico solo che tutti i nostri avversari quando ci affrontano danno il massimo, per di più domenica scorsa il Pontedera non aveva nulla da perdere. Io sono sereno e questo al di là di come si possa giudicare la gara di domenica contro la squadra di Indiani. Se siamo giù fisicamente come l’anno scorso? Con lo scorso campionato non si possono fare paragoni, perchè sono due realtà totalmente differenti. La nostra forza è il gruppo e chiunque entra dà il suo, sono tranquillo”.

OCCHIO AL BENEVENTO – Da oggi la comitiva giallorossa è al lavoro per preparare la prossima gara, la semifinale d’andata, contro i campani di mister Fabio Brini al “Vigorito”: “Domenica sera affrontiamo il Benevento e dovremo cercare di fare il meglio possibile fuori casa e poi finire nel migliore al Via del Mare. I numeri dicono che il Benevento ha segnato tanto (58 reti nella regular seasion, il miglior attacco del girone B, ndr), ma in questo campionato abbiamo visto come sia fondamentale la concentrazione massima contro qualsiasi avversario. La nostra forza è il gruppo, soprattutto l’umiltà e la grande responsabilità di ogni compagno, che anche se non gioca dà sempre il massimo. Avanti così e dobbiamo farlo anche per i nostri tifosi che domenica sono stati veramente preziosi ”.

Qui di seguito il video con le dichiarazioni dell’ex difensore del Brescia nella conferenza stampa tenutasi questa mattina al “Comunale di Squinzano”.


 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.