Tempo di lettura: 2 minuti

LyqclRRJhEVMw=--perugiaPERUGIA (di M. Cassone) – Termina con un pareggio (0-0) l’anticipo, del Girone B della Prima Divisione di Lega Pro, tra Perugia e Benevento.

Da annotare il bellissimo gesto dei tifosi di casa che hanno voluto ricordare con uno striscione lo sfortunato campione beneventano, Carmelo Imbriani, scomparso un anno fa in terra perugina nell’Ospedale Chianelli. Presente al “Curi” anche la moglie che ai microfoni di Rai Sport ha espresso tutta la sua commozione di fronte allo striscione perugino che recitava: “Imbriani: icona del calcio pulito”. Sugli spalti per l’occasione c’erano 2000 bambini.

Veniamo all’incontro. Il Perugia, chiamato all’inversione di tendenza, non riesce a vincere e non può certo godersi il punticino, che invece può far comodo ai sanniti dell’ex leccese Fabrizio Melara nonostante delle recriminazioni importanti sul finale per l’annullamento al 91° di Negro, che è sembrato, invece, del tutto regolare; Brasi ha visto nell’azione un fallo di Evacuo, che sembra non esserci.

Comunque, il primo tempo inizia con una sortita su punizione degli “stregoni” che, con Mengoni, al 6° impegnano Koprivec. Poi la gara si incentra prevalentemente sui nervi tesi a centrocampo, con entrambe le squadre a scrutare l’atteggiamento dell’avversario. Non mancano le sportellate. Al 24° Eusepi va vicino alla segnatura ma il suo tiro è bloccato a terra da Baiocco. Botta e risposta ed i sanniti tuonano con Negro dopo appena sessanta secondi ma il suo missile da fuori aria lambisce il palo.

Il primo tempo scivola via senza ulteriori sussulti con un Fabinho abbastanza mobile che potrebbe segnare allo scadere su punizione, ma la sfera termina di pochissimo fuori.

Nel secondo tempo i campani entrano in campo con il coltello tra i denti e provano l’impresa. Il Perugia sembra rinunciatario e soffre l’ottimo palleggio degli ospiti, rischiando di capitolare prima al 54°, quando Doninelli da fuori area lascia partire una bomba che termina di poco alta sulla traversa e poi al 61° con Mancosu che ci prova da fuori con un nulla di fatto. Poco Perugia in campo, i ragazzi di Camplone sembrano stanchi fisicamente. Il Benevento ci prova ancora con Felice Evacuo all’86° ma la sua girata di testa termina di pochissimo a lato; al 91° l’episodio incriminato: Negro mette dentro a pochi metri dalla porta ma Brasi annulla. Sul finale del match piccolo accenno di rissa a causa del provocatore Comotto, ma alla fine vince il fair play di uno striscione che ha colorato di ricordi positivi una serata di sport.

TABELLINO

PERUGIA – BENEVENTO 0-0

 PERUGIA: Koprivec, Comotto, Sini (79° Henty), Felipe, Massoni, Scognamiglio, Moscati, Nicco, Eusepi (74° Sprocati),  Mazzeo, Fabinho. A disp. Stillo, Conti, Vitofrancesco, Sanseverino, Carcione. All. Andrea Camplone

BENEVENTO: Baiocco, Celjak, Signorini, Mengoni, Som, Doninelli (88° Davì), Di Deo, Melara, Mancosu (80° Montiel), Negro (90°+3 Campagnacci), Evacuo. A disp. Piscitelli, Padella, Ferretti, Guerra. All. Fabio Brini

Arbitro: Cristian Brasi di Seregno

Ammoniti: Signorini (B), Massoni (P), Mengoni (B), Celjak (B).

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.