Tempo di lettura: 3 minuti
20140124_henty_festeggia_il_gol
Henty esulta dopo il gol (foto fonte web)

Gara importante allo stadio “Curi” tra la capolista Perugia e il Grosseto. Vincono i padroni di casa 3-2, dopo un primo tempo rocambolesco e ricco di gol.

La partita comincia col Perugia che pigia forte sull’acceleratore ed al 10° potrebbe già passare in vantaggio dopo una triangolazione da manuale tra Eusepi e Nicco, ma l’intervento prodigioso in extremis di Burzigotti salva il Grosseto. Il gol per gli umbri è però nell’aria ed arriva tre minuti dopo: su un corner, c’è la dormita generale della difesa maremmana, in particolar modo di Tedeschi che si fa anticipare da Massoni che batte Maurantonio.

Il Grosseto reagisce immediatamente e riparte a capo chino pareggiando al 15°: gran gol di Bombagi che ipnotizza con un dribbling a rientrare Conti e, con la bacchetta magica, disegna un tiro a giro che lascia di stucco Koprivec. E non finisce qui, perché i ragazzi di Cuccureddu, galvanizzati dal pareggio, raddoppiano al 23° ancora con Bombagi, su assist di Ferretti, abile ad incunearsi tra le maglie della retroguardia biancorossa e gonfiare la rete. E’ l’1-2 con il Perugia costretto a raccogliere i cocci e ripartire.

I padroni di casa ricordano di essere i leader del girone B da un po’ di settimane e si riversano nella metà campo avversaria. Iniziano a cadere ripetutamente in area di rigore grossetana senza però raccogliere nulla. Però ci credono e pareggiano nell’ultimo dei tre minuti di recupero concessi dall’arbitro con Scognamiglio che, su calcio d’angolo, ruba il tempo a Legittimo e pareggia mandando su tutte le furie Cuccureddu che ai microfoni di Rai Sport, mentre raggiunge gli spogliatoi dice: “Abbiamo preso due gol su palle inattive, due gol che ci siamo cuciti noi addosso”.

I padroni di casa rientrano in campo con il piglio della grande ed si dimostrano padroni del campo; i ragazzi di Cuccureddu sembrano invece stanchi e si chiudono a “testuggine” nella propria metà campo. Al 68° il signor Ros manda, per doppio cartellino giallo, negli spogliatoi Matteo Legittimo: decisione discutibile per quanto riguarda il secondo cartellino giallo. Camplone getta allora nella mischia Henty al posto di Eusepi e viene ripagato con un gol d’alta scuola, un gol da “grifone”; il nigeriano, di proprietà del Milan, arrivato in prestito, sale in cielo e di testa calibra un colpo da cecchino, Maurantonio può solo raccogliere dal sacco il pallone che determina la sconfitta della sua squadra.

Finisce 3-2 con tanti rimpianti da parte dei maremmani e gioia immensa da parte dei perugini che, nonostante la paura provata dopo lo svantaggio ed i fantasmi apparsi all’orizzonte, riescono a ribaltare il risultato e continuano a volare. Domenica per gli uomini di Camplone ci sarà il Lecce, in una sfida-verità per entrambe le compagini.

TABELLINO

PERUGIA (4-3-3): Koprivec; Conti (46° Sini), Massoni, Scognamiglio, Comotto; Moscati, Filipe, Nicco (86° Vitofrancesco); Mazzeo, Eusepi (67° Henty), Fabinho. A disp. Stillo, Barison, Sprocati, Insigne. All. Camplone.

GROSSETO (4-4-2): Maurantonio; Formiconi (65° Biraschi), Burzigotti, Tedeschi, Legittimo; Onescu, Obodo (89° Ricci), Perini, Bombagi; Marotta, Ferretti (67° Esposito). A disp. Lanni, Gotti, Giovio, Gioè. All. Cuccureddu.

Arbitro: Ros di Pordenone.

Marcatori: 13° Massoni (P), 15° Bombagi (G), 23° Bombagi (G), 45°+3’ Scognamiglio (P), 74° Henty (P).

Espulsi: 68° Legittimo (G).

Ammoniti: Nicco (P), Onescu (G), Formiconi (G), Comotto (P), Filipe (P).

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.