Tempo di lettura: 2 minuti

cat lec prec tabLECCE (di Italo Aromolo) – E’ un bilancio fortemente in rosso (basti dare un’occhiata alla tabella) quello che il Lecce registra nei precedenti contro il Catanzaro, autentica bestia nera per la formazione salentina: nei 14 confronti finora disputati, il Lecce è uscito sconfitto dal “Ceravolo” per 10 volte, subendo 33 reti e realizzandone 13.

Non si è trattato, per di più, di gare equilibrate, giocate sul filo del rasoio o in bilico fino all’ultimo (delle 10 gare perse, sono soltanto 2 quelle terminate con lo scarto minimo), ma spesso di vere e proprie debacle che hanno condannato la formazione salentina a pesanti umiliazioni sportive: tra i più roboanti ko annoveriamo una sequela di 4-0 (risultato ripetutosi per tre volte nel giro di pochi anni, tra il 1951 e il 1955, quando le due compagini giallorosse militavano in Serie C) e un filotto di gare (ben 5) terminate con il punteggio di 3-1 in favore della squadra ospitante.

Sfida che ci riporta all’“età della pietra” del calcio salentino (manca nei tabellini ormai da quasi 30 anni), la storia di Catanzaro-Lecce ha arriso soltanto due volte ai pugliesi: nel lontano 1952, l’allora “Comunale” di Catanzaro fu espugnato a suon di reti (2-5, con tripletta di Anselmo Bislenghi), mentre nel 1983, in Serie B, fu sufficiente la firma di Roberto Rizzo (0-1) per lanciare il Lecce targato Eugenio Fascetti verso una promozione in Serie A che sfumò soltanto a poche giornate dal termine di quel campionato.

titolo giornaleI due pareggi invece coincidono con le ultime due sfide in ordine di tempo, entrambe nella stagione di Serie B 1987/’88: era il grande Lecce di mister Carletto Mazzone (in cui figuravano giocatori del calibro di Barbas, Pasculli, Terraneo e Moriero) quello che riuscì a strappare il pari (0-0) nella tana di una delle dirette concorrenti alla promozione in Serie A: pareggio che si rivelò fondamentale per distanziare il Catanzaro, che concluse quel torneo classificandosi poco sotto i salentini, approdati invece trionfalmente nella massima serie (secondo posto con 49 punti). Quel 10 gennaio 1988, in un Lecce dalle insolite vesti bianco-azzurre, fece il suo esordio assoluto tra i professionisti (con un 7 in pagella!) un giovanissimo Gianluca Petrachi.

tabellino e pagelleNel settembre della stessa stagione, il palcoscenico della Coppa Italia (competizione che ha ospitato ben 4 degli ultimi 6 precedenti) ha visto le due squadre scontarsi in una gara decisa soltanto ai calci di rigore: terminato il tempo regolamentare con il risultato di 1-1 (marcatura leccese di Barbas), il Lecce ebbe la meglio dagli undici metri (4-1), anche per l’imprecisione dei padroni di casa, i quali fallirono tutti i tiri dal dischetto.

Nelle ultime tre partite, dunque, il bilancio parla di 2 vittorie per i salentini e 1 pareggio, per una tradizione che sembra invertita e che fa ben sperare i tifosi leccesi in vista della delicata sfida di domenica prossima.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.