Tempo di lettura: 1 minuto

fotoLECCE – Singolare proposta lanciata dallo showman Gianni Ippoliti e accolta dall’Amministrazione Comunale leccese per evitare il ripetersi di furti nel presepe che verrà allestito nell’Anfiteatro romano. “Il primo presepe semi-vivente del mondo”. Così l’ha infatti ribattezzato Ippoliti che ha lanciato l’idea, accolta dall’Amministrazione Comunale di Lecce, ufficializzata a Palazzo Carafa in occasione della presentazione delle iniziative per le festività natalizie.

“Ogni anno – ha spiegato Ippoliti assistiamo alla scomparsa del Bambinello. Per mettere fine alle scorribande del rapinatore seriale abbiamo pensato di inserire tra le statuine di uno dei più bei presepi d’Italia, un uomo in carne e ossa con gli abiti da pastore che avrà la licenza di colpire con un bastone il simpatico incursore notturno. C’è di più: sono pronto a travestirmi io stesso da centurione romano pronto a rispedire al mittente con una balestra a chiunque provi a gettare bottiglie di birra e quant’altro nell’Anfiteatro romano”.

Presepe anfiteatro LecceNon è solo una provocazione ma un modo come un altro per tenere alla larga i malintenzionati ed evitare il ripetersi di furti avvenuti nel corso degli ultimi anni nel presepe allestito all’interno dell’Anfiteatro romano.

La singolare iniziativa è stata abbracciata dal sindaco Paolo Perrone e dall’assessore al Turismo, Marketing Territoriale, Spettacoli ed Eventi, Luigi Coclite che oggi in conferenza stampa hanno illustrato le iniziative programmate per le festività natalizie.

Siamo riusciti, come sempre – ha spiegato Coclite – a presentare eventi significativi ottimizzando al massimo le risorse a nostra disposizione”. Il sindaco Perrone, dal canto suo, dopo aver presentato “l’interessante e variegato” calendario degli appuntamenti per il Natale leccese 2013, ha voluto ringraziare quanti hanno reso possibile, grazie al loro contributo, l’allestimento del presepe nell’Anfiteatro romano.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.