Tempo di lettura: 1 minuto

us lecce anni 70 800x600LECCE (di Pierpaolo Sergio) – Ruggero Cannito, ex centrocampista dell’U.S. Lecce, si è segnalato per l’essere uno tra i più attivi promotori delle manifestazioni in programma il prossimo lunedì 2 dicembre per celebrare il trentennale della scomparsa di Michele Lorusso e Ciro Pezzella. Insieme ai due sfortunati calciatori giallorossi, scomparsi in un tragico incidente d’auto mentre raggiungevano gli altri compagni di squadra impegnati la domenica successiva a Varese, Cannito aveva stretto un fortissimo legame di amicizia.

Non a caso, la sciagurata notte in cui avvenne lo scontro frontale nei pressi di Mola di Bari, i tre erano stati insieme fino a poco tempo prima proprio nell’abitazione del centrocampista originario di Rutigliano, ma oramai divenuto anche lui un leccese d’adozione.

A Ruggero Cannito abbiamo chiesto di voler ricordare uno degli aneddoti più simpatici legati al ricordo di Lorusso e Pezzella e lui ha prontamente raccontato quella che è una storiella che si tramanda di padre in figlio, in una sorta di staffetta ideale nel passare il testimone del ricordo dei due campioni giallorossi: la vicenda del volo aereo di ritorno da una trasferta a Cagliari da cui si evince tutta la paura di volare che avevano i due, quel sacro terrore che li porterà a non prendere più un aereo e trovare la morte in un viaggio in auto…

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.