Tempo di lettura: 3 minuti
Zigoni, leccezionale.it
Gianmarco Zigoni

SQUINZANO – (di Carmen Tommasi) – Corre in campo e anche tanto. Segna a ritmi da sogno. Vuole la serie B con il Lecce. Gianmarco Zigoni, dopo un inizio di campionato non al top, non si ferma più e ha una voglia smisurata di continuare a essere determinante per la maglia giallorossa, a suon di gol e prestazioni importanti: “Devo dire che questa con il Lecce a livello personale in fase di finalizzazione è stata una buona partenza (cinque gol messi a segno in undici gare, ndr). Il mio obiettivo è quello di superare il numero di marcature realizzato con l’Avellino nello scorso campionato (11 reti, ndr) e spero veramente di riuscirci. Voglio fare bene e soprattutto andare in serie B con la maglia del Lecce. Il primo posto? Adesso non lo so, –spiega l’attaccante veronese, classe ’91, arrivato nel Salento in prestito dal Milan- perchè siamo distanti dalla capolista, ma abbiamo recuperato molti punti nelle ultime gare. A fine gennaio vediamo come saremo messi in classifica, ora pensiamo partita dopo partita e poi vediamo come andranno le cose”.

 Zigoni, è d’accordo con il suo allenatore quando dice che il risultato di Coppa Italia di ieri con il Perugia è “bugiardo”?

“Il mister a fine gara ci ha fatto una bella strigliata e ci ha detto che domenica con il Grosseto non dobbiamo giocare così. In effetti, nel match di ieri contro il Perugia siamo stati al di sotto delle nostre possibilità. Non abbiamo fatto quello che sappiamo fare. Un impegno in meno per pensare solo al campionato? No, sarebbe stato bello andare avanti in Coppa, ma ora pensiamo e siamo concentrati solo sul nostro obiettivo stagionale, il campionato”.

Più di qualcuno si aspettava di vederla ieri in coppia con Miccoli negli undici iniziali, anche lei era della stessa idea?

“No, io e Fabrizio lo sapevamo prima della partita, che io avrei fatto il primo tempo e lui il secondo. Ma dico che con il capitano possiamo giocare benissimo insieme, perché abbiamo caratteristiche diverse. Così come è successo per una parte della gara con il Prato. Per me avere lui dietro è ancora più facile, è un grande campione. Io mi metto a disposizione e lo farei anche se fossi in una posizione non mia”.

Miccoli le dà dei consigli su come comportarsi in campo?

“Molto spesso quando giochiamo insieme mi dice come mettermi in campo e all’inizio lo faceva di più quando con mister Moriero giocavamo insieme. Ora molto meno perché è stato infortunato, ma non vedo l’ora di giocare insieme a lui al più presto. Io dalla panchina? Vorrei giocarle tutte, questo è normale, ma se entro a partita in corso darò il massimo come sempre; decide il nostro allenatore ”.

Cosa pensa del rinvio della gara di domenica scorsa contro la Nocerina?

“Personalmente avrei preferito e avrei voluto giocare la partita di Nocera Inferiore, anche perché eravamo in un momento positivo e in buone condizioni. Questo stop forzato, però, ci ha permesso di recuperare qualche elemento che era acciaccato e che ora per domenica è tornato disponibile. Ora aspettiamo di recuperarla per metterci al pari con le altre”.

Domenica arriva il Grosseto al “Via del Mare”: che tipo di avversario si aspetta?

“Lo abbiamo già incontrato in Coppa Italia a inizio mese e dico che è una squadra molto tosta, anche se hanno cambiato allenatore in settimana. Non so come giocheranno o come sarà il loro umore in questo momento, ma giocheremo davanti al nostro pubblico, questo è un vantaggio e speriamo solo di conquistare i tre punti”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.