Tempo di lettura: 2 minuti

Monaco 1LECCE (di G. De Pandis e T. Micelli) – Inizia il viaggio di Leccezionale Salento alla scoperta dei baby gioielli della formazione Berretti dell’U.S. Lecce e non poteva non incominciare da Gianmarco Monaco, il capitano della compagine allenata da Pedro Pablo Pasculli.

Un capitano è un calciatore che unisce al carisma una serie di qualità che sintetizzano temperamento e capacità di essere trait d’union tra la squadra e l’allenatore. Gianmarco Monaco possiede queste qualità e migliora giorno dopo giorno grazie al lavoro quotidiano, la più importante ricetta per il successo. È un metodista di centrocampo classe 1996, figlio dell’ex centrocampista del Lecce Walter Monaco, è il cuore di questa squadra in campo e fuori. Da buon capitano è solito strigliare la truppa nei momenti precedenti il fischio d’inizio.

Regista di centrocampo- Ha le idee chiare riguardo la sua posizione preferita in campo e le sue peculiarità: “Sono una mezzala più assimilabile ad un metronomo di centrocampo che ad un centrocampista di quantità ma ho buoni tempi di inserimento e mi piace buttarmi avanti ogni tanto; mi piace operare indifferentemente in moduli come il 4-4-2, il 4-3-3 ed il 4-2-3-1”.

Monaco3Un anno fantastico- Il buon lavoro del capitano della Berretti giallorossa sta procurando una serie di successi dalla serie di convocazioni in prima squadra, condite dalle buone prestazioni in Coppa Italia di Lega Pro, e dalla prima maglia azzurra nello stage della Nazionale di Lega Pro di Sorrento: “Sono soddisfatto delle mie esperienze in prima squadra, sto imparando tanto da gente come Salvi ed Amodio, calciatore che ha giocato anche la Serie A con il Napoli; l’esperienza in Nazionale, condivisa con i miei compagni Fersini, Cicerello e Guadalupi è stata positiva ma devo mantenere i piedi ben saldi per terra”. Nel suo ruolo di mezzala il capitano della Berretti non ha dubbi quando si parla di modelli: “Ci sono tanti giocatori forti ma Iniesta è il top”.

Non solo calcio- Gianmarco Monaco sogna di fare il calciatore ma è cosciente e coerente che deve impegnarsi anche in altro per il futuro: “Voglio continuare gli studi e nello stesso tempo riuscire a fare il calciatore, devo riuscire in entrambe le cose”.

In bocca al lupo al capitano sperando che un giorno riesca a calcare quel manto verde del“Camp Nou” casa del suo idolo.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.