Tempo di lettura: 1 minuto

raffaele lorussoLECCE – Sulla querelle Assostampa-TeleRama, registriamo la controreplica del presidente di Assostampa Puglia, Raffaele Lorusso a Paolo Pagliaro: “Le farneticanti affermazioni dell’editore di TeleRama confermano quanto denunciato dal sindacato dei giornalisti pugliesi. Il signor Paolo Pagliaro ammette di aver violato gli accordi sulla cassa integrazione guadagni in deroga, sottoscritta in Regione, attingendo a personale esterno al corpo redazionale, ricorrendo a contratti di lavoro precari. Basta questo per ritenere interrotte le relazioni industriali“.

“Pagliaro – prosegue il comunicato – sapeva bene che sarebbe successo perché gli era stato ampiamente preannunciato già a luglio scorso, in un incontro sindacale in Assindustria Lecce, nel corso del quale fu invitato ad applicare correttamente gli accordi sulla Cig, a cominciare dalla turnazione e dal rispetto degli orari di lavoro dei singoli giornalisti. Nulla di tutto questo è avvenuto. Anzi, l’editore ha continuato a comportarsi in modo arrogante e inaccettabile per chi è abituato a rispettare le regole“.

Il signor Pagliaro – prosegue il presidente Lorusso – non può dare lezioni a nessuno, tanto meno al Sindacato dei giornalisti. Le denunce di Assostampa sono all’attenzione delle autorità competenti. Se il signor Pagliaro è a conoscenza di altre situazione di irregolarità può segnalarle alle autorità che ritiene, ma prima guardi in casa propria. Il Sindacato dei giornalisti pugliesi ribadisce la propria disponibilità a confrontarsi con chiunque, ma a patto che si parta dal riconoscimento reciproco delle regole che, fino a prova contraria, sono quelle della Repubblica italiana e non della fantomatica Repubblica salentina da tempo vagheggiata dal signor Pagliaro. Nessun confronto con chi non rispetta le regole, gli accordi sindacali e i lavoratori“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.