Tempo di lettura: 3 minuti

LECCE – (di Carmen Tommasi) – Si sogna la rimonta. Si inizia a pensare positivo. Si vuole e si deve, continuare la striscia di risultati che portano punti. I tifosi iniziano timidamente a sorridere. La squadra torna a parlare, dopo un lungo e “assordante” silenzio stampa. In casa Lecce il secco successo di 5-2 allo stadio “Del Duca” di Ascoli, portato in cassaforte grazie alle doppiette dei “ritrovati” Bogliacino e Zigoni, ha ridato un rinnovato entusiasmo in vista della prossima partita casalinga contro il Viareggio in programma domenica al “Via del Mare”. Match in cui i giallorossi sono alla ricerca della prima vittoria stagionale tra le mura amiche dello stadio leccese, dove in quattro gare stagionali non sono mai arrivati i tanto attesi tre punti.

IL RITORNO DI “BOGLIA” – L’ex Napoli, Mariano Bogliacino, è tornato in campo nel match di Ascoli dopo una lunga assenza per infortunio (non giocava dai primi di settembre) e ha dimostrato che il Lecce ha bisogno di un elemento del suo calibro, della sua esperienza e dei suoi piedi “buoni”. Il tecnico Franco Lerda per mettere a suo agio il 33enne trequartista è passato a sorpresa dal 3-5-2 al 4-2-3-1 con Doumbia, lo stesso Bogliacino e Ferreira Pinto alle spalle di Zigoni come unica punta, modulo che ha funzionato a pennello per le caratteristiche offensive dei giallorossi, ma anche nei meccanismi difensivi nonostante qualche ingenuità dei quattro dietro e del portiere Bleve compreso. Ma, come ha detto lo stesso allenatore giallorosso a fine gara: “Non doveva succedere, ma sul 4-0 può anche starci”. Adesso, c’è da chiedersi come cambierà l’assetto tattico della squadra con il rientro di capitan Miccoli che dovrebbe tornare disponibile proprio nella gara di domenica prossima contro i toscani.

ADESSO C’È MIGGIANO – Il prossimo avversario del Lecce è il Viareggio allenato dal salentino doc Roberto Miggiano, con 6 punti in classifica (due in meno dei giallorossi) e tanta voglia di riscatto. I bianconeri vengono da una sconfitta casalinga di 2-0 contro il Prato e hanno le motivazioni giuste per muovere la classifica contro gli uomini di Lerda. Zero gare vinte in casa per i toscani, 6 perse e 3 pareggiate in 9 gare disputate; 8 le reti fatte e 14 quelle subite. Questi i “freddi” numeri dei prossimi avversari dei giallorossi che potrebbero scendere in campo contro i salentini con il “solito” 4-3-1-2 .

LA CLASSIFICA – Nel posticipo della nona giornata di Lega Pro Prima Divisione, il Pontedera vince una partita difficile con la Nocerina grazie a un 2-1 firmato da Grassi che porta la sua squadra al primo posto con 20 punti in classifica (a +2 sul Frosinone). Risultati a sorpresa, comunque, quelli delle gare di domenica. Il vero passo in avanti è la vittoria di 2-1 in trasferta della Salernitana che aveva di nuovo in panchina Perrone al posto dell’esonerato Sanderra, sul campo del Benevento in un caldo derby campano. Adesso, non resta che aspettare la decima giornata e, come sempre, le sorprese non mancheranno in un campionato in cui nulla sembra essere dato per scontato. In cui non ci sono equlibri stabiliti o partite “facili” sulla carta.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.