Tempo di lettura: 3 minuti

(di Carmen Tommasi) – Una partita importante in cui i tre punti saranno fondamentali per entrambe le squadre. Un inizio di campionato dalle numerose difficoltà per Ascoli e Lecce, due formazioni con una storia importante alle spalle, ma ora in Lega Pro con la voglia ed il desiderio di dare una svolta ad una stagione che impone loro l’obbligo di cambiare rotta. A due giorni dalla sfida al “Del Duca”, Marco Amabili, giornalista e direttore responsabile di Picenotime.it, è convinto che quello di domenica alle 14:30 sia un match dove i padroni di casa avranno voglia di dire la loro: “La squadra di Pergolizzi avrà una voglia matta di riprendersi sul campo i punti tolti dalla Commissione Disciplinare Nazionale della Figc e sono certo che non sarà una passeggiata per i salentini. È importante sottolineare come l’Ascoli – spiega Amabili – non abbia ancora vinto al Del Duca nel campionato in corso e non sarebbe male iniziare la serie contro una compagine ambiziosa e attrezzata come quella giallorossa”.

Dopo il netto ko in Coppa Italia con il Grosseto, qual è l’umore in casa Ascoli?

“Non buono, anche se in Coppa Italia è scesa in campo una squadra sperimentale infarcita di giovani e giocatori che hanno collezionato pochissimi minuti in questo primo scorcio di stagione. Mister Pergolizzi non ha affatto gradito un passivo così largo e non ha avuto le risposte che si attendeva dalle cosiddette seconde linee.  In più è arrivata proprio ieri sera la pesante mazzata dei due punti di penalizzazione a rendere il clima ancor più pesante, una situazione alla quale il club bianconero è purtroppo abituato negli ultimi anni ma che va a complicare terribilmente il buon ruolino di marcia di Pestrin e compagni”.

Sei punti in classifica (-3) per gli uomini di Pergolizzi, cinque per quelli di Lerda: che partita si aspetta in chiave tattica?

“Credo sia difficile fare un paragone tra l’ottima rosa del Lecce e l’organico dell’Ascoli, allestito con tante difficoltà nelle ultime settimane di calciomercato. L’Ascoli tosto e concentrato ammirato contro Salernitana e Catanzaro può di certo mettere in difficoltà gli uomini di Lerda, mi aspetto un Picchio guardingo pronto a far male in contropiede anche perchè, giocoforza, sarà il Lecce a dover fare la partita”.

Malatesta non sarà della partita a causa della squalifica, per il resto ci sono problemi di infermeria per i marchigiani?

“Lentamente l’infermeria bianconera si sta svuotando, anche se elementi importanti come Rosania, Colomba e Scalise sono lontani dalla migliore condizione. Mancheranno di certo Acampora, Piacenti, Hanine e Gragnoli per problemi fisici. L’assenza di Malatesta in attacco è pesante, anche perchè l’Ascoli non ha molte alternative in quel ruolo, ma “el Tanque” Vegnaduzzo finora ha fatto bene ed è pronto a caricarsi sulle spalle tutto il peso del reparto offensivo”.

Con quale modulo mister Pergolizzi farà scendere in campo i suoi?

“Credo proprio con un 4-3-2-1, con i ‘peperini’ Tripoli e Falzerano a supporto di Vegnaduzzo. A centrocampo dovrebbero agire Capece e Colomba ai fianchi di capitan Pestrin, mentre in difesa rientrano Bianchi e Giacomini dopo aver riposato in Coppa Italia. In porta Russo, una delle rivelazioni dell’inizio di stagione del Picchio, tornerà titolare al posto di Pazzagli”.

Si sbilanci: chi tra le due formazioni ha più  bisogno dei 3 punti?

“Direi il Lecce, che non può perdere ulteriore terreno dalla zona play-off dopo una prima parte di campionato piuttosto balbettante…”

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.