Tempo di lettura: 3 minuti

LECCE (di Carmen Tommasi) – Essere tosti, organizzati, determinati e con un pizzico di fortuna che non guasta mai alla ricerca dei primi tre punti stagionali. C’è ottimismo e positività nello sguardo di Franco Lerda alla vigilia della trasferta campana contro la Paganese di mister Maurizi: “Sono sorridente perché abbiamo fatto una settimana di lavoro importante, la terza con il mio staff. La prima – spiega l’allenatore piemontese – è stata come il primo giorno di scuola, la seconda interrotta della Coppa Italia, in questa siamo stati tutti, o quasi, in gruppo da martedì a sabato ed abbiamo lavorato in maniera omogenea. Ci serve domani a Pagani un risultato positivo per sbloccarci”.

RIPENSANDO AL BARLETTA – Nella sfida al “Marcello Torre”, l’ex tecnico del Torino si augura che il suo Lecce si comporti in campo come ha fatto nel derby col Barletta: “Dobbiamo partire dalla prestazione di domenica scorsa e vedere ciò che riusciamo a fare a Pagani. Ogni gara per noi è una finale ed un motivo per fare i primi tre punti stagionali. La partita di domani, ripeto, è una finale e non ci sono dubbi su questo. Tutte le squadre del girone sono forti: dobbiamo fare punti e non è cosa facile, perché per fare risultato bisogna partire dalla prestazione, dall’atteggiamento mentale, dalla condizione fisica ed avere un pizzico di fortuna. Non ci piangiamo addosso, andiamo a Pagani tosti e per fare la nostra gara”.

IL MODULO – Il 3-5-2 sarà lo schieramento tattico con cui Beretta e compagni scenderanno in campo: “In questo momento il modulo che mi dà più tranquillità è il 3-5-2, l’anno scorso sono sembrato integralista e troppo rigido, ma un allenatore deve essere elastico. Anche nella passata stagione questo sistema di gioco ci ha dato buoni risultati. I numeri sono freddi e statici, ciò che conta è come si sviluppano e mettere i giocatori nelle condizioni di esprimersi al meglio. Il gruppo sta rispondendo alla grande, ci manca fiducia e la fiducia viene con i risultati. Io sono straconvinto dei miei ragazzi, ma è chiaro che poi sarà il campo a parlare”.

BELLAZZINI C’È Tommaso Bellazzini è riuscito a recuperare in extremis dal problema muscolare accusato in settimana dopo uno scontro di gioco in allenamento: “Parfait è a disposizione al pari di Papini, con quest’ultimo che, almeno in allenamento, ha un maggiore minutaggio nelle gambe. Bellazzini oggi si è allenato, è abile ed arruolato. Per il resto, non c’è Melara per un po’ di sovraccarico, ma anche per scelta tecnica. In attacco Beretta-Bellazzini o Beretta-Zigoni. Poi c’è anche Doumbia con altre caratteristiche che può darmi una mano in avanti a gara in corso. Lopez invece può ricoprire più ruoli ed ha una elevata conoscenza calcistica: è duttile anche dal punto di vista mentale e non solo tattico. Con Cavasin, a Brescia,  faceva l’attaccante esterno, può far di tutto. In una difesa a 3 anche il centrale di sinistra ma preferisco metterlo in un’altra posizione domani (a centrocampo sulla corsia sinistra, ndr)”.

LA PAGANESE – Tutti gli avversari del girone B presentano degli ostacoli e Lerda ci tiene a soffermarsi su questo aspetto: “Ho visto la Paganese nella gara con il Frosinone e hanno perso su un calcio piazzato al 93’. Sono usciti dal campo a testa alta e contro una squadra attrezzata. Si sono difesi con ordine e attenzione. Hanno degli infortunati e delle problematiche, non hanno le ambizioni del Lecce, ma la voglia di giocare bene sì. Poi noi abbiamo un solo punto in classifica, quindi di cosa stiamo parlando?”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.