Tempo di lettura: 3 minuti

LECCE (di Carmen Tommasi) – Poco concreti, poco cattivi e poco fortunati. Attenti in difesa e compatti a centrocampo. È apparso così il nuovo Lecce targato Franco Lerda nel tanto atteso derby casalingo di ieri con il Barletta in cui si andava alla ricerca della prima vittoria stagionale dopo cinque sconfitte di fila in campionato. Vittoria che non è arrivata perché ci si è fermati sullo 0-0 finale dopo il gol giustamente annullato a Lopez, la parata di Liverani sul colpo di testa di Miccoli (e non solo) e l’incrocio dei pali a dire “no” a Doumbia. Gara in cui il Lecce ha collezionato ben quattordici calci d’angolo a proprio favore e con il portiere biancorosso uno dei migliori in campo tra gli uomini di Nevio Orlandi.

PROGRESSI IN DIFESA – Quella di ieri è stata una giornata di riposo per il portiere Perucchini che ha fatto buona guardia davanti alla linea a quattro composta da Sales, Martinez, Diniz e Lopez che ha rischiato veramente poco, che per la prima volta in sei gare di campionato non è mai stata battuta e che non ha mai corso seri pericoli, vuoi anche la sterilità del tridente avversario mai davvero spigoloso per tutto il match (gli ospiti erano ancora alla ricerca del primo gol stagionale) cosa questa, enfatizzata anche dal tecnico Nevio Orlandi a fine gara che ha sottolineato che se i suoi ragazzi avessero avuto più “autostima si sarebbero resi più cattivi sotto porta”. Dodici gol incassati in sei partite sono troppi per una squadra che a inizio stagione puntava ai piani alti della classifica, ma i progressi visti ieri fanno ben sperare.

L’INFERMERIA – Domani alla ripresa della preparazione, in programma alle 16:00 al Colaci di Calimera, lo staff sanitario giallorosso, guidato dal dottor Rizzo, dovrà valutare le condizioni di Bogliacino, Parfait, Bencivenga e Rullo ancora out per i rispettivi acciacchi fisici, mentre per la gara a Pagani il tecnico Lerda ritrova Melara e D’Ambrosio al rientro dalla squalifica. Capitan Miccoli, rientrato ieri dall’infortunio, potrebbe fermarsi nuovamente per un problema muscolare accusato nel match di ieri già verso la metà del primo tempo, ma il bomber di San Donato pur avendo allertato la panchina ha preferito stringere i denti e rimanere in campo fino a fine gara.

L’AVVERSARIO – Tre punti per la Paganese di Maurizi, uscita ieri sconfitta dalla gara in casa del Frosinone per 2-1. A Pagani la squadra di casa con il suo 3-5-2 punta al risultato pieno e a incrementare la classifica. Cinque gare perse e una sola vittoria, quattro gol fatti e cinque subiti: è questo il bottino collezionato dai prossimi avversari degli uomini di Lerda ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale.

LA CLASSIFICA – Continua a fare bene, a collezionare punti e a stupire la matricola Pontedera del tecnico Indiani che batte la seconda in classifica Pisa all’Arena Garibaldi e allunga in vetta a quota 16. Inseguono L’Aquila (0-1 all’Arechi di Salerno) e Frosinone (2-1 sulla Paganese), fa la sua parte anche il Benevento nel derby contro la Nocerina, mentre il Prato incassa i primi gol stagionali nel 2-2 casalingo contro il Perugia. Un punto a testa, invece per il Lecce e Barletta nel derby: per gli uomini di Lerda è il primo stagionale, mentre il Barletta ora è a quota due. Sono ultimi i salentini in compagnia della Nocerina, ma la gara di ieri dei giallorossi è sembrata quella della “svolta”. Almeno si spera.

 

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.