Tempo di lettura: 2 minuti

Un match chiuso con un netto 2-0 a favore del Perugia e la prima sconfitta di Franco Lerda al debutto stagionale sulla panchina del Lecce. Il tecnico di Fossano, visibilmente “stizzito”, analizza a caldo la debacle, la quinta di fila, di capitan Martinez e soci: “Il dato negativo, quello che ha fatto la differenza, è stato il risultato. Oggi affrontavamo una squadra molto forte e, nonostante la piena emergenza, abbiamo tenuto bene il campo, aspetto fondamentale. Siamo stati puniti da due episodi. Il primo, dopo pochi minuti dall’inizio della partita, il secondo nel nostro miglior momento e che ci ha lasciato per di più con un uomo in meno, oltre che in svantaggio di 2 gol. Nella ripresa – ha spiegato l’allenatore ex Toro ai microfoni dei cronisti – ho chiesto ai ragazzi di restare in corsa fino alla fine e rimanere ordinati; è per questo se anche dopo una sconfitta come questa trovo dei lati positivi. Noi non abbiamo creato molto, ma il Perugia nonostante la superiorità non ha creato nulla di particolare nel secondo tempo, quindi lo reputo un fattore senza dubbio positivo, nonostante la sconfitta”.

ERRORI INDIVIDUALI – Bisogna guardare al gruppo e non ai singoli giocatori: Non parlo degli errori individuali o delle prestazioni di chi li ha commessi. Sicuramente ci sono stati, ma dobbiamo lavorare per evitare che accadano ancora in futuro. Resta il fatto che i ragazzi si sono impegnati, nonostante le difficoltà in cui ci trovavamo. Lopez e Sales? Se li ho impiegati in quei ruoli, è perché mi hanno dato garanzie in settimana. E comunque, sono posizioni che hanno già ricoperto in passato”.

LA CLASSIFICA L’obiettivo stagionale del Lecce a questo punto resta difficile da definire: “Dopo cinque sconfitte consecutive è difficile pensare ai primi posti. Questo campionato ci offre però la possibilità di centrare i play-off anche arrivando noni e questo può rappresentare un obiettivo alla nostra portata. Il Lecce poco pericoloso? Non mi risulta.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.