Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE (di Italo Aromolo) – Ecco le reazioni del tifo leccese alla ennesima debacle dei giallorossi di Moriero. Allo stadio, in Tribuna Centrale ed in Tribuna Est. Sui social network, su Facebook e Twitter. Sono questi i luoghi, reali e virtuali, in cui in queste ore emerge tutta la rabbia e la delusione del popolo giallorosso che, di fronte alle 4 sconfitte consecutive, inizia a contestare l’operato della società di Piazza Mazzini.

In Tribuna Centrale, il patron Savino Tesoro ed il vicepresidente Letterio Munafò hanno abbandonato la poltrona scuri in volto, aggrediti verbalmente da alcuni tifosi. In Tribuna Est invece, un nutrito gruppo di sostenitori ha alzato la voce invitando, non certo nel più delicato dei modi, la famiglia Tesoro ad abbandonare il timone della società.

Sui social network impazza la polemica sulla responsabilità della drammatica situazione che in questo momento si vive a Lecce. Molti post e commenti, più che puntare il dito su squadra e allenatore, criticano proprio la gestione societaria dei Tesoro, accusati principalmente di aver sbagliato la campagna acquisti.

C’è anche chi propone di attivarsi facendo qualcosa di concreto: “Ma una bella contestazione seria anziché stare qui a scrivere messaggi inutili che nessuno leggerà si potrebbe fare?

Non mancano, anche se in minoranza, le voci che si elevano a difesa della famiglia di Spinazzola: “Tesoro ha dato carta bianca per quanto riguarda il calcio mercato a Moriero perché si fidava.. ora, lui ha chiesto quei giocatori, Tesoro li ha solo comprati, niente di più”. “La colpa è di Moriero che dopo 2 mesi di lavoro non è riuscito a dare un’identità a questa squadra!!! Non abbiamo uno schema di gioco, dove prevale la giocata singola invece di quella collettiva”. “Senza i Tesoro sarebbe già finito il calcio a Lecce”.

Infine, ecco il commento più rassegnato della giornata: “Credetemi, non so a chi dare la colpa di queste 4 disfatte…

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.