Tempo di lettura: 6 minuti

LECCE – (di Carmen Tommasi) In un “Via del Mare” silente, orfano della sua Curva Nord per le altre 3 giornate di squalifica da scontare per gli scontri del post match Lecce-Carpi, il Lecce (alla prima stagionale casalinga) perde 2-1. Passano in vantaggio gli ospiti con De Sousa al 36’ del primo tempo e Infantini chiude il discorso nella ripresa al 38’ su rigore. Al 50’ segna Miccoli in mezza girata di collo destro, ma la frittata era già stata fatta. Finisce 2-1 per gli ospiti (al primo successo in assoluto della loro storia contro i salentini) ed un brutto Lecce esce tra i fischi del pubblico stasera davvero, e a buona ragione, poco amico.

LE FORMAZIONI – Francesco Moriero conferma il 4-4-2 con Perucchini tra i pali, Bencivenga a destra, Rullo a sinistra, Martinez e Vinetot centrali, Bogliacino a costruire e Salvi a distruggere con Ferreira Pinto e Bellazzini, rispettivamente ala sinistra e destra, in avanti Miccoli e Zigoni. Gli ultimi due arrivati Sales e Parfait partono dalla panchina.

Giuseppe Pagliari passa al 4-3-3 con Testa in porta, centrali Zaffagnini e Pomante, a destra Gizzi, a sinistra Dallamano, a centrocampo Carcione con Corapi e Del Pinto, in avanti De Sousa e ai lati l’ex di turno Triarico e Frediani.

PRIMO TEMPO – Parte subito all’attacco e grintoso il Lecce che spinge in avanti sin dai primi minuti, anche se i ritmi di gioco sono bassi e le azioni degne di nota pari a zero. Prima manovra pericolosa al 10’: passaggio di capitan Miccoli per Ferreira Pinto, ma quest’ultimo viene atterrato in area e il gioco prosegue senza l’intervento del fischietto Guccini. Urla Moriero dalla panchina: “Voglio copertura”, perché l’ex allenatore del Grosseto vuol maggiore attenzione in fase difensiva. Sono i padroni di casa a fare la partita, con gli ospiti che aspettano l’occasione giusta per ripartire, ma i giallorossi concedono davvero poco agli abruzzesi che sono però rapidi a chiudere i salentini sulle fasce. Gli uomini di Pagliari si fanno vedere dalle parti di Perucchini: al 19’ De Sousa su calcio d’angolo di testa anticipa la retroguardia giallorossa con la sfera che finisce a fil di palo. Nei primi 20’ di gioco vince solo la noia e il match stenta a decollare. Primo cambio forzato per i padroni di casa: al 24’ si fa male Erminio Rullo (problema alla tibia per il terzino napoletano) e al suo posto esordisce in giallorosso il salentino Simone Sales. Al 25’ il mediano romano Salvi recupera pallone a metà campo, serve Miccoli, che in volata verso la porta avversaria allarga per Zigoni che inciampa sulla sfera e manca un’occasione d’oro. Ci prova sempre il Lecce, ma capitan Pomante e compagni sono vigili e attenti a chiudere gli spazi. Chiede attenzione e si fa sentire Perucchini con la sua difesa che rischia davvero poco. Al 33’ cross di Bencivenga per Miccoli che, solo in area, salta ma sfiora soltanto la palla e non sfrutta a dovere l’invito del compagno. Il risultato rimane saldamente ancorato sullo 0-0. Al 35’ angolo per il Lecce, il pallone finisce sui piedi di Miccoli che viene fermato da Carcione in extremis. Al 36’ arriva la doccia fredda per il “Via del Mare”: De Sousa, spalle alla porta, ha tutto il tempo per stoppare la sfera, girarsi repentinamente e sorprendere uno statico Vinetot, insaccando di sinistro e superando un incolpevole Perucchini. E’ 1-0 per gli ospiti. Al 38’ punizione di Miccoli da posizione favorevole, ma il destro dell’ex Palermo va a sbattere sulla barriera. Dopo il gol del vantaggio prendono coraggio gli ospiti e provano a sorprende ancora una volta i padroni di casa non appagati dal vantaggio. Fallo di Miccoli per un’entrata a gamba tesa e punizione per gli ospiti al 39’, ma De Sousa non impensierisce un attento Perucchini. Al 45’ Bencivenga crossa per Ferreira Pinto che di testa prova a impensierire Testa comunque vigile. Spinge il Lecce nell’ultima fase del primo tempo, ma si va al riposo, dopo 3’ di recupero, sull’1-0 per i rossoblù. Escono tra i fischi del pubblico i giallorossi.

Lecce-L'Aquila 1-2SECONDO TEMPO – Stessi 11 iniziali in avvio di ripresa per ambo le squadre. Al 5’ Perucchini esce di pugni al limite dell’area e respinge un cross, la palla finisce sui piedi di Carcione che, al volo, non inquadra lo specchio della porta rimasta vuota. Cercano di trovare spazi i padroni di casa, ma la formazione di Pagliari non molla un centimetro e “rinvigorita” dal gol di vantaggio prova ad alzare il baricentro per impensierire Martinez e soci. Secondo cambio per Moriero all’11′: fuori uno spento Ferreira Pinto, dentro Doumbia. Si sentono solo i tifosi marsicani a incoraggiare i propri beniamini dagli spalti del Via del Mare, mentre quelli giallorossi iniziano a borbottare non soddisfatti della prestazione del Lecce. Fanno fatica, infatti, gli uomini del tecnico leccese a imbastire trame di gioco importanti e sembrano bloccati dalla metà campo in poi. Terzo e ultimo cambio per il Lecce al 18’ st: entra il neo-arrivato Parfait al posto di Zigoni. L’Aquila risponde con l’ingresso di Ciotola al posto dell’ex Lecce Triarico. Si addormenta la partita con il passare dei minuti, con gli ospiti bravi a controllare il vantaggio e col Lecce che non riesce a farsi vedere mai nell’area di rigore avversaria. Al 21’ Del Pinto prova il tiro dalla distanza, ma finisce alto sopra la traversa. Sono timidi i giallorossi e sembrano bloccati in fase di ripartenza, perché sono gli ospiti ad avere il pallino del gioco. Passano i minuti sul cronometro e al 35’ il risultato è inchiodato sull’1-0 per i rossoblù. Rigore per l’Aquila al 38’: Martinez con un colpo di tacco passa palla malamente a Ciotola che viene atterrato da Sales e,appena dentro l’area di rigore: l’arbitro assegna il penalty. Infantini non sbaglia e supera Perucchini. E’ 2-0. Ormai il Lecce non c’è più in campo e prova solo timidamente ad affondare nell’area di rigore avversaria. Sono 5 i minuti di recupero concessi da Guccini, ma le difficoltà nel manovrare e nel costruire gioco dei giallorossi restano evidenti. Miccoli al 50’ segna il gol della bandiera di collo destro. Finisce 2-1 ed i leccesi si ritirano negli spogliatoi tra le urla ed i fischi del pubblico presente, ossia 5089 paganti. Domenica prossima c’è Benevento-Lecce e l’imperativo resta quello di riscattare le due sconfitte di fila in campionato.

Il tabellino

Lecce 1 – L’Aquila 2

Marcatori: De Sousa 36’ pt, Infantino su rigore al 38’ st, Miccoli 50’ st.

Lecce (4-4-2): Perucchini, Bencivenga, Martinez, Vinetot, Rullo (dal 24’ pt Sales); Ferreira Pinto (dall’11 st Doumbia), Salvi, Bogliacino, Bellazzini; Zigoni (dal 18’ st Parfait), Miccoli. A disposizione: Bleve, Ferrero, Melara, Beretta. All.: Moriero.

L’Aquila (4-3-3): Testa; Gizzi, Pomante, Zaffagnini, Dallamano; Del Pinto, Carcione, Corapi; Triarico (dal 18’ st Ciotola), De Sousa (dal 32’ st Infantino), Frediani. A disp.; Addario, Scrugli, Ligorio, Di Lollo, Ferrante. All.: Pagliari.

Ammoniti: Bogliacino al 18’ pt, Sales all’11’ st, Parfait dal 33’ st, Salvi 45’ st.

Note: 5089 spettatori paganti di cui 2.946 paganti (abbonati 2.143) per un incasso totale di euro 42.869,81.

Arbitro Guccini di Albano Laziale.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.